Quale centrodestra, Giorgetti (FI): "Tornare con vigore sul territorio"

22 luglio 2016 ore 12:24, Andrea De Angelis
Mercoledì 20 luglio si è tenuto a Roma l'incontro dal titolo: "Quale centrodestra: un contributo di idee per tornare a vincere". Una tavola rotonda organizzata da Forza Italia, ma alla quale hanno partecipato parlamentari e politici di altre forze politiche del centrodestra italiano. 
Si è parlato di idee, programmi, rinnovo della classe dirigente e ipotesi per riaggregare lo schieramento moderato, in vista pure del prossimo referendum costituzionale.
IntelligoNews ha intervistato Alberto Giorgetti, parlamentare di Forza Italia...

Qual è il vostro progetto?
"Si tratta di ridefinire il modo di stare insieme del centrodestra. L'esigenza diffusa è di riprendere in modo vigoroso la presenza sul territorio. Le recenti amministrative hanno dimostrato che dove si è compatti, con le persone giuste e contenuti programmatici il centrodestra vince. Non solo è competitivo, ma vince. A livello nazionale dobbiamo realizzare un processo virtuoso, di contenuti che consenta a tutti di ritrovarsi in un progetto condiviso. Partendo dal dibattito di oggi costruiremo un progetto forte per proporci come alternativa a Renzi e tornare a vincere".

Oggi qui non ci sono leader di partito. Vuol dire che a parlare è soprattutto la base?
"I capi hanno pieno diritto di parlare come tutti. Anche noi abbiamo contenuti da portare avanti, c'è il bisogno di muovere un'opinione pubblica che rischia di essere un po' distratta rispetto ai contenuti del centrodestra. E noi vogliamo farlo dal basso". 

La possibilità di unirvi con un No, quello al referendum costituzionale, è reale? Dalla battaglia contro qualcuno si finisce per creare un progetto per qualcosa?
"Sicuramente si fa la battaglia per il No, la riforma non va bene per il Paese. Divide, non procura miglioramenti né in termini legislativi che di risparmi complessivi. Questa è una battaglia seria, poi vedremo se porterà ad altre dinamiche. Di certo più che su una congiuntura vogliamo puntare su una riflessione seria per la ricostruzione di un centrodestra che si mantenga nel tempo". 

Prima il programma, poi il leader?
"Prima il programma e sulla base di questo contenuti per poter stare insieme". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]