La censura lesbo di Ikea

22 novembre 2013 ore 11:13, Andrea De Angelis
La censura lesbo di Ikea
Una casa condivisa da una coppia di lesbiche nella pittoresca contea di Dorset in Inghilterra, con due donne sorridenti insieme ad un bambino, in un'atmosfera di famiglia felice. L'immagine è nel catalogo mensile del colosso svedese dei mobili Ikea, diretto ai clienti europei. La pagina è però sparita nell'edizione russa della rivista, in ossequio alla legge contro la "propaganda gay" tra i minori. Immediata la spiegazione di una portavoce della catena mondiale di prodotti per la casa: "Abbiamo due principi guida nella comunicazione all'Ikea: il primo è il design per la casa, il secondo è che rispettiamo la legge". La polemica però esplode ugualmente: può una legge dettare le regole del marketing? Ma soprattutto qual è il confine tra legalità e principi etici?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]