Omicida evade dai domiciliari, era pure senza braccialetto: polemiche

22 novembre 2016 ore 9:34, Americo Mascarucci
È evaso dagli arresti domiciliari ed è irreperibile un giovane di nazionalità ecuadoriana di 22 anni condannato a 22 anni e 6 mesi per l’omicidio di un connazionale ucciso nel 2014 con una coltellata fuori da una discoteca nella zona di Campi, nel ponente genovese, durante una rissa.
Il ragazzo si trovava ai domiciliari, nonostante una condanna a 22 anni e mezzo di carcere, per decisione della Corte d'Assise, che aveva deciso anche di non applicare la misura del braccialetto elettronico.
Omicida evade dai domiciliari, era pure senza braccialetto: polemiche
L'evaso aveva confessato di avere aggredito la vittima dopo che quest'ultimo aveva rivolto apprezzamenti alla fidanzata di un amico: tutto era nato all'interno della discoteca, dove i due gruppi rivali si erano affrontati a insulti e spintoni, e poi era degenerato all'esterno, in un parcheggio vicino al locale, dove le due gang si erano affrontate in una maxi rissa, che aveva coinvolto una trentina di persone. 

Nei confronti dell'evaso è stato diramato un ordine di cattura e le ricerche sono estese a tutto il territorio nazionale. 
Il sostituto procuratore Giuseppe Longo aveva chiesto la misura del carcere dopo la condanna arrivata a giugno di quest’anno, ma la corte d’assise aveva respinto la richiesta. Proprio oggi gli atti del processo dovevano arrivare in corte d’assise d’appello e la richiesta del pm avrebbe potuto essere accolta. 
Ma il 22 enne dopo la fuga si sarebbe reso irreperibile. 
Ad accorgersi della fuga è stata la mamma che ha denunciato ieri l’evasione ai carabinieri.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]