Mela a pezzi nei bronchi, bimbo salvato da équipe speciale

22 novembre 2016 ore 23:53, Orietta Giorgio
Un bambino stava per morire soffocato a causa della presenza di un pezzo di mela nei propri bronchi ed è stato salvato grazie all’intervento dell’équipe multidisciplinare del Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

Il bimbo di 18 mesi aveva un pezzetto di mela finito nei lobi inferiori dei polmoni che gli impediva di respirare, arrivato al pronto soccorso già cianotico a causa delle vie bronchiali parzialmente ostruite, è stato sottoposto ad alcuni esami prima di essere operato tempestivamente. 

Mela a pezzi nei bronchi, bimbo salvato da équipe speciale

L’intervento effettuato dall’equipe medica è stato eseguito con una procedura endoscopica.
Il team era composto da due esperti pneumologi endoscopisti, tre rianimatori, due anestetisti, il pediatra di supporto e due infermieri di sala operatoria, con il direttore di Anestesia e Rianimazione Giorgio Danelli.
Il piccolo, dopo l’intervento, è stato tenuto in osservazione in Rianimazione e poi in Pediatria, prima di essere dimesso lunedì in buone condizioni di salute.

Il direttore della Struttura di Anestesia e Rianimazione, Giorgio Danelli, accorso in ospedale da Parma, ha spiegato: “la gravità della situazione non lasciava la scelta di demandare a un centro specialistico pediatrico, il più vicino dei quali è a Bologna. Abbiamo deciso di agire subito, nella consapevolezza di avere le risorse cliniche necessarie”. 

Pierpaolo Salsi, responsabile del reparto di Rianimazione,  ha confermato: “l’unica scelta possibile è stata di addormentare il bimbo, pur con un rischio elevatissimo, e di procedere con una manovra endoscopica mai eseguita al Santa Maria Nuova su un paziente di quell’età”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]