ll regista Veronesi e la "grazia" in treno

22 settembre 2014 ore 15:16, intelligo
ll regista Veronesi e la 'grazia' in treno
Cronaca, minuto per minuto, di una multa evitata. Twitter viene usato anche per questo. Il racconto arriva questa mattina da uno dei registi italiani più apprezzati del momento, Giovanni Veronesi. Il primo dei 20 cinguettii è per lanciare l’allarme: “Sono in treno per Roma. Mi sa che ho fatto una cazzata. Ho preso il treno prima ma non so se mi faranno pagare un altro biglietto o la multa”. Poi l’arrivo del controllore e il confronto, con pioggia di tweet in diretta. “E' un giovanotto con la faccia buona speriamo che mi perdoni sarò gentilissimo. Dai Giovanni sfodera un sorriso dolce e simpatico”. Dopo un lunghissimo confronto tra controllori: "Devo rimanere calmo ora sono andati a consultarsi, anche a loro pare una punizione eccessiva glielo leggo negli occhi. Se sto buono forse", c'è l’immancabile lieto fine, tipicamente all’italiana: “Bravi bravi bravi voi e le vostre mamme che vi hanno insegnato a non infierire sul più debole anche se in errore”. Della serie: essere famosi, in Italia, aiuta anche nel non prendere le multe…
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]