Un altro pitbull azzanna un giovane. Padrone denunciato, cane in struttura

22 settembre 2016 ore 15:58, Lucia Bigozzi
Per quel morso da pitbull dovrà subire un intervento chirurgico all’avambraccio. Protagonista della disavventura, un 26enne di Palermo che è stato azzannato dal cane. Secondo una prima ricostruzione pare che l’animale non avesse la museruola e c’è voluto l’intervento dei carabinieri per evitare che la situazione potesse degenerare per il giovane palermitano che - sempre secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma – stava passeggiando in una via del capoluogo siciliano, nella zona nel quartiere Altarello. A salvarlo sono stati proprio i carabinieri che lo hanno letteralmente strappato dalla presa del pitbull che lo ha azzannato all’avambraccio sinistro col quale il giovane cercava di proteggersi il viso. 

Un altro pitbull azzanna un giovane. Padrone denunciato, cane in struttura
In seguito all’aggressione, il 26enne ha perso molto sangue ed è stato trasferito in ospedale: per lui non c’è pericolo di vita ma si dovrà sottoporre a un intervento chirurgico sui tessuti lesionati.
Il proprietario del cane che lo portava a passeggio insieme ad un altro cane anche questo senza museruola, è stato denunciato dai carabinieri e dovrà rispondere di lesioni personali colpose e “omessa custodia di animali e mancata applicazione della museruola. Il pitbull è stato affidato ai responsabili del canile comunale. 

Non è il primo caso (e purtroppo non sarà l’ultimo) di persone azzannate, ferite e in diversi casi anche morte a seguito dell’aggressione di cani da difesa particolarmente aggressivi, non sempre custoditi dai proprietari nel rispetto delle regole e delle leggi vigenti. Prima del caso di Palermo se ne sono verificati due ben più gravi. Lo scorso 17 giugno a Inveruno, in provincia di Milano, una donna di 76 anni è morta dopo essere stata aggredita da due suoi cani in un cortile; mentre risale allo scorso 16 agosto il caso del bambino di un anno e mezzo sbranato da due cani di razza Dogo argentino nel giardino di una villetta. La madre ha tentato di salvare il figlio facendogli scudo con il suo corpo ma invano: il piccolo è morto azzannato da due animali, pare, proprio mentre stava facendo il bagno all’interno di una piscina gonfiabile. 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]