L’italiana Lancia Astura è la più elegante: quando Eric Clapton la preferì al letto

23 agosto 2016 ore 10:42, intelligo
di Luciana Palmacci

La vincitrice della 66esima edizione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach è la Lancia Astura Cabriolet Pinin Farina Cabriolet ‘Tipo Bocca’ del 1936, capolavoro della carrozzeria torinese, che si aggiudica il ‘Best of Show’ del Concours d’Elegance per eccellenza riservato alle auto storiche. Un risultato che conferma la predilezione degli americani in questo concorso per le auto italiane anteguerra. Nel corso della sua vita, questa Astura è finita anche nelle mani della rockstar Eric Clapton, che ha raccontato come per lui sia stata “the most fun I’ve had offstage and out of bed” (la cosa più divertente mai avuta fuori dal palco e fuori dal letto). 
La Lancia Astura, che ha sfilato in passerella è una lussuosissima cabriolet quattro posti trovata in Inghilterra nel 1962 in condizioni disastrose, e restaurata dalla Pininfarina, che l’ha esposta per diversi anni nel proprio museo. Ci sono voluti ben sei anni per riportarla al suo splendore originario, ripristinandola in ogni singolo dettaglio. È la prima volta in assoluto che una Lancia vince questo ambito titolo in quello che si autodefinisce il più prestigioso Concorso di Eleganza del mondo. In 66 anni non era infatti mai successo che il titolo andasse a una vettura di Torino. 

L’italiana Lancia Astura è la più elegante: quando Eric Clapton la preferì al letto

La sorte ha voluto che anche il titolare dell’auto fosse di origine italiana: Richard proiettano una luce inquietante sulla Mattei, un imprenditore appassionato di Alfa Romeo della Paradise Valley, in Arizona. "Questo ulteriore riconoscimento ci riempie d'orgoglio e conferma il valore del design Pininfarina” ha commentato l'ad di Pininfarina Silvio Pietro Angori: “Il nostro impegno per il futuro è di continuare a disegnare vetture che diventino le nuove classiche di domani". Delle ‘Tipo Bocca’ ne vennero costruite inizialmente sei, tutte per il concessionario Lancia di Biella, ma la strumentazione in miglia, anziché in chilometri, dell’esemplare vincitore in California fa supporre che il primo proprietario fosse un inglese. Ma il tricolore sventola anche su un altro successo di Pebble Beach: l’Alfa Romeo Giulietta Sprint Speciale del 1957, prototipo disegnato da Franco Scaglione per Bertone, del collezionista Corrado Lopresto, ha vinto il terzo premio di classe nella categoria Postwar Touring e uno degli Elegance Awards come ‘Vettura chiusa più elegante’.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]