Roma-Porto, la mossa a sorpresa di Spalletti in difesa

23 agosto 2016 ore 20:13, Andrea Barcariol
E' un appuntamento decisivo per la stagione della Roma. In ballo circa 35 milioni di euro, fondamentali per le casse di Trigoria e per il mercato (quella di Borja Valero è più che un'idea). Dopo l'1-1 dell'andata ai giallorossi basterebbe uno 0-0 per strappare il pass per l'Europa che conta, ma impostare una gara difensiva potrebbe essere un enorme errore come sottolineato ieri in conferenza stampa da Kevin Strootman. "E' la partita per cui lavoriamo da otto mesi" ha spiegato Luciano Spalletti che ha deciso di ricorrere a De Rossi come centrale di difesa dando fiducia a Paredes a centrocampo dopo la positiva prestazione di sabato contro l'Udinese. Sarà capitan futuro ad affiancare Manolas (Vermaelen è squalificato) e Juan Jesus. Una mossa a sopresa, una difesa a tre con Perotti e Bruno Peres sulle corsie laterali e Strootman e Nainggolan a centrocampo. Davanti la coppia Salah Dzeko. Una scelta dettata probabilmente dalla pericolosità del Porto sulle palle alte, evidenziata proprio da Spalletti. Fuori dunque Emerson Palmieri, in grande difficoltà ad Oporto.

Roma-Porto, la mossa a sorpresa di Spalletti in difesa
Nuno Espirito Santo risponde con il suo classico 4-4-1-1, con l'ex interista Alex Telles sulla fascia sinistra e Adrian Lopez alle spalle di André Silva davanti. Arbitra il polacco Marciniak.

Le formazioni ufficiali:

Roma (3-5-2): Szczesny; Manolas, De Rossi, Juan Jesus; Bruno Peres, Nainggolan, Paredes, Strootman, Perotti; Salah, Dzeko, Perotti. All.: Spalletti.

Porto (4-4-1-1): Casillas; M.Pereira, Felipe, Marcano, Telles; Herrera, Danilo, André André, Otavio; Corona; André Silva. All.: Espirito Santo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]