Berlusconi, è partita l'offensiva telefonica per l’unità interna

23 dicembre 2014 ore 12:03, intelligo
Berlusconi, è partita l'offensiva telefonica per l’unità interna
Silvio Berlusconi si gioca la carta aperturista con Matteo Renzi.
Il segnale è chiaro: il veto inizialmente agitato su eventuali candidati per il Quirinale di provenienza Pci (o comunque del Pd) ora è svanito. C’è chi dice che in realtà per il premier avere un candidato del suo partito non sia una priorità (e anche chi aggiunge che il primo a non volere Romano Prodi sia proprio lui). Fatto sta che Berlusconi, in questa partita a scacchi, si concentra su un primo obiettivo: l’unità dei suoi gruppi parlamentari, pre-condizione per avere un peso e una credibilità in questa partita fondamentale. Il Cavaliere ieri ha chiamato uno per uno i suoi dissidenti meno “militarizzati”, quelli non del gruppo fittiano stretto ma piuttosto coloro che ultimamente si sono schierati con lui per far sentire la propria voce e accendere i riflettori sul loro malumore, per invitarli a non promuovere iniziative avventuriste nella partita per il Colle. Il messaggio è chiaro: “Niente scherzi, serve la massima unità, altrimenti verremo spazzati via tutti”.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]