Subsonica si difendono: "Mai parlato di plagio di Morricone. Prede dei social"

23 febbraio 2016 ore 22:18, Andrea Barcariol
E' bastato un tweet per far divampare la polemica. Non c'è da stupirsi visto che a essere chiamato in causa è stato Ennio Morricone, uno dei mostri sacri della musica italiana, in odore di Oscar per la colonna sonora di "The Hateful Eight" (ne ha vinto una alla carriera, sfiorandolo diverse volte, come ad esempio per Mission). A farne le spese i Subsonica per la presunta accusa di plagio che avrebbero lanciato contro il Maestro. Un post mai cancellato che a distanza di settimane hanno voluto precisare.  "Può capitare, nel vorticoso mondo delle relazioni web, di trovarsi costretti ad un giro in contromano. Il tweet sfuggito male, il commento a caldo, le frasi in grado di scatenare su internet lapidazioni digitali che se pronunciate di fronte ad una platea in carne ed ossa non sarebbero mai fraintese. Un giro in contromano è capitato di recente anche a noi. Può essere un’esperienza piuttosto sgradevole ma, come tutte le vere esperienze, aiuta ad osservare con attenzione le cose. A noi è andata così. Un nostro post, entusiasta e divertito, invitava il pubblico del facebook subsonico a condividere la sorpresa contenuta nei primi minuti dell’ultimo attesissimo film di Tarantino: quattro note musicali simili all’attacco di “Tutti i miei sbagli”. Non una citazione, non un plagio ma una “felice coincidenza”, come il post letteralmente chiosava. "E comunque le prime quattro note orchestrali della colonna sonora (meravigliosa) di Hateful Eight di Morricone/Tarantino, sono le prime quattro note orchestrali di “Tutti i miei sbagli”. Confrontare al cinema per credere. #felicicoincidenze".

Subsonica si difendono: 'Mai parlato di plagio di Morricone. Prede dei social'
Sotto accusa i social network: "Nella prateria della comunicazione 2.0 esistono leggi, ma per qualcuno è più comodo ignorarle. Non trovi molti sceriffi in giro che si prendano la briga di farle rispettare. E tutti sono accomunati dall’abitudine, ormai consolidata, di fiutare le notizie sullo schermo del computer e dalla passione per i grandi terreni di caccia: i social network. Può capitare, dopo aver aggiornato i profili “social” della band, che il tuo post incominci ad odorare di preda". Si era diffusa anche la notizia di una querela da parte di Morricone subito smentita dal compositore che però non ha nascosto di essere infastidito: "Non querelo nessuno, se loro non insistono. C’è una lettera del mio avvocato con la quale si dice loro di smetterla di affermare che io li ho plagiati, cosa assolutamente non vera. Non sono nemmeno arrabbiato per questa vicenda. Per il film di Tarantino ho scritto un pezzo sinfonico che complessivamente dura 27 minuti, è una vera sinfonia. Quattro note non rappresentano nulla, è una tale sciocchezza alla quale non do nemmeno peso”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]