Calcio choc: in manette i vertici del Catania

23 giugno 2015, intelligo
Calcio choc: in manette i vertici del Catania
Sette in manette. Nella “rete” degli investigatori sono finiti anche i vertici della squadra di calcio del Catania. Sono sette le ordinanze di custodia cautelare eseguite oggi dagli uomini della Polizia ecd emesse dalla Procura che ha disposto gli arresti domiciliari per reati di frode in competizioni sportive e truffe. Secondo i magistrati lo scopo era quello di “truccare” l’esito delle partite nel campionato di Serie B dove era impegnato il Catania.

Secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa, tra gli arrestati ci sono il presidente del club siciliano, Antonio Pulvirenti, l'amministratore delegato Pablo Cosentino e il direttore generale Daniele Delli Carri. L'accusa è associazione per delinquere finalizzata alla commissione di diverse frodi sportive.

Le partite del campionato di B “incriminate” e sulle quali la procura vuole fare luce sono cinque: Varese-Catania 0-3; Catania-Trapani 4-1; Latina Catania 1-2; Catania-Ternana 2-0; Catania-Livorno 2-1. 

Amaro il commento del presidente della Lega di Serie B, Andrea Abodi: “La prima reazione è sicuramente un grande dolore perché lavoriamo ogni giorno per rendere comunque credibile e per aumentare la reputazione del nostro contesto e questa è una notizia che ci lascia sgomenti. Bisogna reagire immediatamente, continuare il nostro lavoro, l'impegno verrà ulteriormente moltiplicato”. 

Da parte sua, il presidente Pulvirenti, attraverso il legale, l'avvocato Giovanni Grasso, si dice "estraneo alle accuse contestate" e "sicuro di poter dimostrare la totale estraneità ai fatti". 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]