Cannabis "fatta in casa", non è solo reato amministrativo

23 maggio 2016 ore 11:44, Micaela Del Monte
Secondo la Corte Costituzionale, che si è espressa con la sentenza 109 del 2016, depositata il 20 maggio 2016, la coltivazione di cannabis per uso personale resta reato: l'illecito non può essere dequalificato a violazione amministrativa perchè può "dare luogo a un processo produttivo in grado di 'autoalimentarsi' e di espandersi, potenzialmente senza alcun limite predefinito tramite la riproduzione dei vegetali: tale attitudine ad innescare un meccanismo di creazione di nuove disponibilità di droga, quantitativamente non predeterminate, rende non irragionevole la valutazione legislativa di pericolosità della condotta".

La Corte costituzionale ha quindi dichiarato non fondata la questione sollevata dalla Corte d’appello di Brescia che aveva posto dubbi sulla legittimità della norma, contenuta nel Testo unico sulle droghe, che non include tra le condotte punibili solo con sanzione amministrativa, finalizzate in via esclusiva all’uso personale, anche la coltivazione di piante di cannabis. Una sentenza che oltre a confermare la posizione della Consulta su questo tema, contiene molte affermazioni particolarmente negative anche sul consumo. Si parla così di "disvalore" relativo "all’attività di assunzione di sostanze stupefacenti", di "pulsioni criminogene indotte dalla tossicodipendenza", di un mercato che "mette in pericolo la salute pubblica, la sicurezza e l’ordine pubblico nonché il normale sviluppo delle giovani generazioni".

Cannabis 'fatta in casa', non è solo reato amministrativo
La Consulta ricorda che l’attuale normativa è "volta a differenziare, sul piano del trattamento sanzionatorio, la posizione del consumatore della droga da quelle del produttore e del trafficante". Ma questa disciplina, aggiunge subito, "riflette chiaramente anche la preoccupazione di evitare che la strategia considerata si traduca in un fattore agevolativo della diffusione della droga tra la popolazione: fenomeno che è ritenuto meritevole di fermo contrasto a salvaguardia tanto della salute pubblica, 'sempre più compromessa da tale diffusione', quanto della sicurezza e dell’ordine pubblico". Proprio per questo "tra le condotte ammesse a fruire del trattamento di minor rigore non risulta inclusa la coltivazione non autorizzata di piante dalle quali possono estrarsi sostanze stupefacenti (quale la cannabis): attività che figura, per converso, in testa all’elenco dei comportamenti penalmente repressi dalla norma". E questo anche, aggiunge la Corte citando le sezione unite della Cassazione, "anche quando sia realizzata per destinazione del prodotto ad uso personale".

Il motivo, spiega la Consulta, è che tale "condotta è idonea ad attentare al bene della salute dei singoli per il solo fatto di arricchire la provvista esistente di materia prima e quindi di creare potenzialmente più occasioni di spaccio di droga': e ciò tanto più a fronte della rilevata attitudine dell’attività produttiva ad incrementare in modo indefinito i quantitativi coltivabili"
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]