Il 28 marzo entra l'ora legale: gli effetti sull'organismo e come difendersi

23 marzo 2015, Micaela Del Monte
Ormai lo sappiamo che la primavera porta con sé qualche acciacco e tra allergie, emicranie e sonnolenza ci sentiamo tutti un po' fiacchi.

Se poi aggiungiamo il fatto che dalla prossima settimana dovremmo anche dare il benvenuto all'ora legale allora bisogna arrenderci al fatto che per un po' il nostro organismo risentirà di tutti questi cambiamenti.

Spostare le lancette di un'ora avanti, e quindi dormire un'ora in meno, sembra cosa da poco ma non lo è affatto. Saranno infatti parecchi a subire il colpo e le persone che potrebbero maggiormente risentire del cambio dell’ora sono coloro che hanno già una salute cagionevole o sono più vulnerabili, come i pazienti cardiaci e chi ha disturbi del sonno e dell’umore. 

I principali disturbi associati al cambio dell'ora sono alterazioni del sonno, stanchezza e difficoltà di concentrazione, che possono dare origine a incidenti sul lavoro e sulle strade, ma in alcune persone si possono manifestare anche stress psicologico e cardiovascolare

Il 28 marzo entra l'ora legale: gli effetti sull'organismo e come difendersi

Ma perché? Il tutto sarebbe causato dalla perdita del sonno o comunque al fatto che alcune persone (come ad esempio quelle con problemi di peso) impiegano più tempo a sincronizzare l'orologio biologico con quello sociale e questo, oltre a causare maggiore stress e in alcuni casi depressione, può causare maggiore irritabilità ovviamente stanchezza.

Un modo per giocare d’anticipo ed evitare gli eventuali "disturbi da ora legale", potrebbe essere quello di individuare il proprio cronotipo, ossia se si è gufo o allodola. Il primo profilo corrisponde alle persone serotine che sono più attive la sera e di conseguenza quelle più colpite dal cambio d’ora. Le allodole al contrario saranno al top le prime ore del mattino. 

Nei giorni precedenti al cambio dell’ora, i gufi dovranno andare a letto prima del solito e di conseguenza alzarsi in anticipo. Le allodole al contrario dovranno abituarsi a posticipare progressivamente l’ora del riposo. Ad entrambi però è consigliata attività fisica aerobica all’aria aperta, che riequilibrerà questi effetti ormonali.

L'ora legale rimarrà in vigore fino a domenica 25 ottobre 2015, quando alle 3.00 dovremmo spostare le lancette indietro di un'ora.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]