UniCredit-Fincantieri un rapporto lungo quasi un secolo: ora punta sull’accesso al credito

23 marzo 2016 ore 10:14, Luca Lippi
Al momento le Pmi possono aspettare, ma di questo ne avevamo già dato conto, teoricamente la strategia è quella di sostenere la “vacca grassa” in grado di poter dare latte, in questo UniCredit è sempre stata leader e infatti è di queste ore la notizia che UniCredit Factoring ha raggiunto un importante accordo con Fincantieri allo scopo di razionalizzare e implementare ogni strumento finanziario utile, necessario e sufficiente a tutte le imprese fornitrici (indotto) del Gruppo navale di Trieste. Sono quattromila le imprese, fra piccole e medie, che supportano l’operatività di Fincantieri, l’accordo faciliterà e renderà più conveniente l'accesso al credito da parte dei fornitori di Fincantieri e di quelli delle società controllate, assicurando il sostegno all'intera filiera produttiva.

UniCredit-Fincantieri un rapporto lungo quasi un secolo: ora punta sull’accesso al credito

Nello specifico, nell’accordo concluso con successo, è stato inserito un pacchetto a disposizione dei fornitori di Fincantieri comprensivo di linee di credito a copertura del rilascio di garanzie commerciali e soprattutto liquidità immediatamente disponibile a fronte di contratti sottoscritti di fornitura. UniCredit ha poi messo a disposizione UniCredit Factoring impegnandola a offrire ai fornitori del Gruppo triestino soluzioni che consentano lo smobilizzo dei crediti commerciali verso Fincantieri e l'ottenimento del pagamento anticipato delle forniture eseguite.
A tale proposito la dichiarazione del vice direttore generale di UniCredit Factoring Andrea Burchi dichiara: “Questo accordo testimonia il nostro impegno verso lo sviluppo delle filiere produttive, che rappresentano dei modelli vincenti di aggregazione tra imprese nell'ambito del panorama competitivo internazionale. La piattaforma finanziaria messa a disposizione dei fornitori di Fincantieri comporta indiscutibili vantaggi per tutte le parti coinvolte. Riusciremo ancora meglio, grazie alla collaborazione di Fincantieri, a supportare efficacemente i suoi numerosi fornitori”.
Non è una strategia di “riforma”, in sostanza UniCredit non sta facendo altro che rinnovare e rimodulare una collaborazione ormai lunga diversi decenni e soprattutto su un settore che allo stato non ha conosciuto una vera e propria crisi almeno in Italia, è come quando arrivano a casa gli aggiornamenti delle condizioni di conto corrente, non significa che la banca ci invita ad avere rapporti, è solamente l’aggiornamento del contratto del conto. UniCredit nella sostanza, ha rapporti con Fincantieri (all’epoca era Credito Italiano) sin dagli anni 30. Nulla di nuovo all’orizzonte!

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]