La rosa bionica esiste e ora le piante diventeranno centrali elettriche

23 novembre 2015 ore 16:44, Micaela Del Monte
La rosa bionica esiste e ora le piante diventeranno centrali elettriche
Circuiti elettrici e sensori invece della rete di vasi nei quali scorre la linfa. E' questa la prima rosa bionica sbocciata in Svezia e che apre un nuovo filone di ricerca scientifica. 

I ricercatori dell'Università svedese di Linkoping hanno dato vita alle prime piante elettroniche. Le rose "modificate" dallo studioso Magnus Berggren, descritte sulla rivista Science Advances, aprono un campo di ricerca completamente nuovo: l'obiettivo è sfruttare e amplificare l'attività elettrica naturalmente prodotta dalle piante. La combinazione tra elettronica organica e biologia vegetale ha il fine di sfruttare e amplificare l’attività elettrica naturalmente prodotta dalle piante. Le ricadute potrebbero essere, per esempio, una nuova generazione di celle solari oppure sensori capaci di controllare la crescita delle piante. 

I cavi inseriti nelle piante modificate non sono normali fili elettrici, ma sottilissimi filamenti di polimeri creati in laboratorio e capaci di crescere all'interno della rete dei vasi linfatici senza danneggiarli. Lunghi fino a 10 centimetri, i filamenti sono in grado di trasportare segnali elettrici da e verso ogni punto della pianta. Ad esempio le foglie possono trasformarsi in una sorta di 'schermo' vegetale perché ogni punto della loro superficie può infatti essere sollecitato elettricamente in modo differente, trasformandolo in una sorta di 'biopixel' capace di cambiare colore a comando.

In pratica, senza essere danneggiate, le piante possono essere 'arricchite' non solo con una rete di trasmissione elettrica, ma con sensori: “Ora saremo in grado di influenzare la concentrazione delle varie sostanze nella pianta che ne regolano la crescita e lo sviluppo”, ha detto Ove Nilsson, uno dei coautori della ricerca. Il lavoro fatto finora è completamente nuovo, tanto che “adesso– ha rilevato Berggren possiamo davvero cominciare a parlare delle piante come 'centrali elettriche'. Possiamo ad esempio mettere sensori nelle piante e utilizzare l'energia fornita dalla clorofilla, produrre antenne verdi o materiali completamente nuovi”.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]