"Sì di paura" da Mediaset, ma Berlusconi dopo Vespa a Matrix a dire 'No'

23 novembre 2016 ore 11:04, intelligo
Il presidente Berlusconi bissa il ritorno in scena: da Vespa salva Mediaset in corner col "Sì, per paura", e poi va da Matrix (registra oggi alle 17,30 circa) per ribadire il suo No al referendum.
La riforma renziana fa scendere in campo, in prima persona, il presidente già Cavaliere, dopo una lunga riabilitazione post intervento al cuore, che lo aveva costretto a riposarvi fermandolo allo stop di casa. Ha avuto il tempo di ragionare lui, al contrario dei dirigenti Mediaset, che voteranno sì perché “ temono ritorsioni”, ma Silvio è convinto che Renzi “può aprire alla possibilità di una deriva autoritaria nel nostro paese” e per questo fa parte di quell'accozzaglia (Ma ne è orgoglioso, dall'altra parte Alfano, i Verdini, i Cicchitto - dice - non mi sembra sia il Real Madrid francamente”), come l'ha definita Renzi, che lotta contro il premier e non si fida delle sue promesse. Dunque con Fedele Confalonieri & Co ammette di "aver avuto discussioni a questo livello - ha detto a Bruno Vespa - e ho dovuto accettare, essendoci una maggioranza di risparmiatori e di investitori, che certe dichiarazioni del presidente di Mediaset, eccetera, sono attribuibili alla difesa dei risparmiatori. Lasciamo stare Renzi: se a un certo punto il governo dovesse vincere - osserva ancora - ci sarebbero conseguenze negative per le nostre aziende, e anche per le altre”. 
'Sì di paura' da Mediaset, ma Berlusconi dopo Vespa a Matrix a dire 'No'

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]