Stop di Juncker ma Renzi non ci sta: "Sforeremo su sisma e migranti"

23 settembre 2016 ore 10:29, Americo Mascarucci
Si fa duro lo scontrto fra il Premier italiano Matteo Renzi e la Commissione Europea. 
Il presidente Jean- Claude Juncker all’assemblea del Comitato economico e sociale riunita ieri a Bruxelle ha attaccato: «
"L’Italia già quest’anno avrebbe dovuto spendere 19 miliardi in meno. È stato l’unico Paese a beneficiare della clausola degli investimenti". 
Secondo Juncker, la legge di Stabilità 2016, da 30 miliardi di euro varata lo scorso anno da Palazzo Chigi, sarebbe stata finanziata per quasi il 66 per cento dalla flessibilità europea. "Il patto non è stupido, come diceva il mio predecessore, perché le cifre lo dimostrano".
Come dire: l’Italia ha ben poco da lamentarsi. 

Stop di Juncker ma Renzi non ci sta: 'Sforeremo su sisma e migranti'
La replica di Renzi non si è fatta attendere innescando quello che a tutti gli effetti si configura come un duello a distanza.
Ospite del programma Otto e Mezzo su La7 il Premier ha detto: 
"La flessibilità non c'era nei trattati europei, Juncker ha legato il suo programma agli investimenti in flessibilità, devo dire che è stato di parola e noi l'abbiamo utilizzata. Noi rispettiamo le regole ma le regole Ue ci dicono che in presenza di eventi eccezionali si può utilizzare un margine diverso. Se devo essere bacchettato perché devo mettere a posto le scuole mi faccio bacchettare ma non credo avverrà".
Il premier resta fermo sulle sue posizioni e attacca ancora:
"Noi non stiamo chiedendo più flessibilità, stiamo chiedendo all'Europa di cambiare la politica economica. I governi di prima hanno firmato il fiscal compact, la flessibilità è la possibilità di cambiare tutto questo. Il prossimo anno rispetteremo le regole europee, anche quelle che non condivido e che non ho votato io ma una maggioranza che andava da Berlusconi a Bersani, con responsabili economici Brunetta e Fassina. Sono regole capestro per l'Italia, ma le rispettiamo. Però le spese per immigrazione e rischio sismico saranno fuori dal Patto di stabilità. L'ho illustrato a Juncker venerdì mattina e credo che ci sia il consenso europeo".
Può darsi ma al momento sembra proprio che fra Roma e Bruxelles l'intesa sia ben lontana dall'essere raggiunta. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]