Vicequestore donna sotto scacco per un paio di gambe: "Attacco misogeno"

23 settembre 2016 ore 11:18, Micaela Del Monte
Un paio di gambe, scoperte fino a poco sopra le ginocchia e contornate da un bordo di pizzo nero. Sarebbe questa la foto che avrebbe scatenato le polemiche tra i sindacati di polizia. L'immagine in questione infatti sarebbe stata pubblicata su Facebook da Marilina Giaquinta, vicequestore a Catania. La responsabile del servizio immigrazione della questura del capoluogo etneo è quindi finita nel mirino del sindacato "Movimento poliziotti democratici e riformisti". 

"Se oggi fa scandalo la foto delle gambe di una donna di qualche centimetro sopra la rotula, allora siamo veramente a burqa e burkini", ha risposto senza scomporsi il vicequestore Giaquinta. E della lettera-denuncia fa spallucce: "Quella sigla rappresenta un centinaio di agenti in tutta Italia ed è chiarissimo che si tratta di un attacco strumentale da parte di un collega che non è più in questura. Io tra tre anni vado in pensione e ho preferito stare con i miei tre figli piuttosto che fare carriera - continua. - E' stato piuttosto un attacco medievale che mi offende come donna e come dirigente di polizia. La Polizia è avanti, tant'è che i miei superiori non hanno dato peso a quella lettera".



La lettera sindacale firmata da Marcello Rodano, a nome del Movimento che rappresenta, è finita sul tavolo del questore. "Su Facebook - come riporta Il Corriere della Sera riprendendo alcuni stralci della missiva - ha ritenuto opportuno mettere alla berlina le proprie gambe, in una discutibile posa in cui anche la sottana di pizzo all'uopo utilizzata offre profonde connotazioni conturbanti e poco consone a un dirigente di polizia". E in allegato, ecco la foto dello "scandalo" e i commenti a margine della stessa.

Hanno invece solidarizzato con la collega altri sindacati del settore. "Si tratta di un attacco misogino, sessista e strumentale contro una poliziotta che ha solo una colpa per qualcuno: quella di essere donna. Un attacco portato avanti da un piccolo sindacato che per fortuna non è rappresentativo tra i lavoratori in divisa e che non rappresenta in alcun caso il sentire comune delle donne e degli uomini della Polizia di Stato". Ha tuonato Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil. Gli fa eco la segretaria dell'Associazione nazionale funzionari di polizia (Anfp) Lorena La Spina"La foto postata dalla dottoressa Marilina Giaquinta sul proprio profilo Facebook diviene oggetto di un comunicato pretestuoso ed inconsistente da parte del segretario provinciale del
 'Movimento poliziotti democratici e riformisti'. Pur volendomi astenere dal commentare l'evidente strumentalità di un simile attacco, in quanto attualmente rappresentante del mondo sindacale all'interno della Polizia di Stato non posso fare a meno di chiedermi quale concreta rilevanza possa assumere, per un movimento sindacale peraltro asseritamente riformista e democratico, la pubblicazione di una foto che ritrae una parte delle gambe della collega".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]