Amatrice, Santori (FdI): "Renzi mostri l'orgoglio nazionale in Europa"

23 settembre 2016 ore 13:51, Andrea De Angelis
Un mese dopo. L'Italia si ferma per ricordare il sisma dello scorso 24 agosto che ha colpito il Centro Italia, con quasi 300 vittime, la maggior parte in quel di Amatrice. Oggi le parole di Errani, scelto dal Governo per guidare tutto ciò che attiene alla ricostruzione. Le sue parole suonano chiare: ricostruiremo "tutto, comprese le seconde case". Per i tempi, invece, nessun annuncio propagandistico. Renzi rincara la dose: l'Europa non potrà parlare di stabilità per quanto riguarda "la messa in sicurezza delle scuole". 
IntelligoNews ne ha parlato con Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d'Italia...

In sostanza Errani ha promesso che verrà ricostruito tutto, dalle prime alle seconde case, dai luoghi di culto ai negozi, ma ha chiesto ai giornalisti di non cominciare a parlare di tempi in modo dettagliato. Insomma, Errani sa cosa farà, ma non si esprime sul quando. Una posizione che vi soddisfa?
"I presupposti sono sicuramente positivi, anche perché nella richiesta al presidente Giorgia Meloni e al capogruppo Rampelli avevamo chiesto la massima attenzione anche nei confronti delle seconde case. Non devono essere distinte dalle prime, altrimenti queste realtà non hanno senso di esistere. L'economia, il fatto del vivere a livello culturale questi borghi soprattutto nel periodo delle vacanze, d'estate come a Natale o a Pasqua, sono frutto della presenza di altri residenti. Certamente in questo momento la massima attenzione va a chi ha perduto la prima casa, poi anche per le seconde, ad Amatrice come in tutte le sue frazioni. Venendo ai tempi, questi vanno scanditi anche perché bisogna procedere in maniera attenta nella gestione delle risorse per evitare quanto accaduto in passato. Tempi certi e regole, affinché non ci sia una burocratizzazione di questi processi altrimenti si va troppo in là. Ma capisco che in questo momento Errani e Renzi non vogliano dare i tempi". 

Da Errani sui tempi massima prudenza, una scelta comprensibile?
"Lo capisco, ma spero che una tempistica sia stato approntata per poi magari essere approfondita. Altra cosa importante è ricostruire con i criteri antisismici, nel rispetto delle identità dei luoghi urbanistici e architettonici. Anche questo è stato messo in evidenza e siamo assolutamente favorevoli".

Amatrice, Santori (FdI): 'Renzi mostri l'orgoglio nazionale in Europa'
Un decreto legge che dovrà essere approvato dal Parlamento. 

"Esatto, ed è evidente che ci sarà una forte attenzione ed entreremo nel merito. Di fatto è urgente, non è più rinviabile un'azione anche di prevenzione. Un tema che deve essere fondamentale per il futuro. Al prossimo terremoto, cioè, non dovremo più gioire per la grande capacità dell'Italia di saper affrontare queste emergenze con una Protezione Civile d'avanguardia e l'importante presenza di soldati e volontariati, ma dovremo gioire per le case dei cittadini che rimarranno in piedi. L'Appennino è una zona ad alto rischio sismico, è evidente che un prossimo terremoto ci sarà. Dovremo, ripeto, gioire perché le case resisteranno al sisma. Le Regioni devono essere capifila di questa prevenzione cambiando le normative ed avendo un'azione più costante di controllo, soprattutto dei luoghi pubblici. Scuole, chiese, caserme".

Renzi ha puntato molto sulle scuole, annunciando che l'Europa in sostanza non dovrà fargli i conti in tasca per i soldi necessari a mettere in sicurezza gli edifici pubblici che ospitano i cittadini più giovani. Vede una sorta di orgoglio nazionale in questi interventi del premier?
"Su questi temi da sempre ogni Presidente del Consiglio ha almeno nelle intenzioni dato questa sensazione. Dal Friuli a L'Aquila, il recupero dell'orgoglio e dell'identità è anche funzionale all'unità dinanzi a un dramma. Però l'orgoglio nazionale noi lo vorremmo vedere da altre parti, soprattutto in Europa. Quindi l'accesso ai fondi europei sulle calamità naturali e il fatto, appunto, che i soldi spesi per la ricostruzione siano smarcati dal Patto di Stabilità. Spero che ci sia un diverso atteggiamento di Renzi, che non sia sempre supino a Merkel ed Europa, ma che possa davvero mostrare l'orgoglio nazionale italiano". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]