Terremoto, Ue pronta ad aiutare l'Italia. Per ora "solo satelliti"

24 agosto 2016 ore 16:52, Andrea De Angelis
Si parte con i satelliti. Questo il primo aiuto europeo per l'Italia, ferita al cuore dal terremoto che ha devastato interi Comuni, causando oltre 70 morti con il numero delle vittime che, purtroppo, potrebbe raggiungere la tripla cifra. 

Copernicus é il programma dell'Ue di osservazione satellitare della Terra. "Le autoritá italiane hanno chiesto che il servizio per le gestione delle emergenze di Copernicus fornisca mappe satellitari di valutazione dei danni per le aree colpite dal sisma, e questa cosa verrà certamente fatta". Lo ha detto il commissario per gli Aiuti umanitari e la gestione delle crisi, Christos Stylianides. Il centro di coordinamento per la risposta alle emergenza della Commissione europea "monitora attentamente" la situazione in Italia ed "è in contatto con le autorità di protezione civile" italiane, ha assicurato ancora Stylianides.

Terremoto, Ue pronta ad aiutare l'Italia. Per ora 'solo satelliti'
Garanzie di aiuti erano arrivate già in mattinata dal presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che nell'esprimere la "più sincera vicinanza" ha scritto in una lettera inviata al premier Renzi: "Siamo vicini alla nazione italiana e siamo pronti ad assisterla in tutti i modi possibili".
L'Ue si è detta dunque disponibile ad aiutare l'italia in tutti i modi, che comprendono l'attivazione del meccanismo di protezione civile europea e l'erogazione di risorse attraverso il fondo di solidarietà. In entrambi i casi spetta allo Stato membro fare richiesta formale di attivazione dei canali di assistenza comunitaria, ma per ora tali richieste non sono state presentate a Bruxelles. AncheFederica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha ribadito le parole di Juncker.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]