Papa Giovanni XXIII e il dialogo con gli ortodossi che piace a Francesco

24 gennaio 2014 ore 10:51, Americo Mascarucci
Papa Giovanni XXIII e il dialogo con gli ortodossi che piace a Francesco
Il sogno di Giovanni XXIII di una piena comunione spirituale fra cattolici ed ortodossi si sta sempre più concretizzando. Papa Francesco ha voluto canonizzare il Papa Buono, insieme a Karol Wojtyla, pur non essendo stato completato l'esame sull'autenticità del secondo miracolo che sarebbe avvenuto grazie all'intercessione di Angelo Roncalli.
Ma la santità di Giovanni XXIII è già ampiamente certificata da tutto ciò che ha saputo realizzare in vita con i suoi gesti, le sue opere. La Chiesa di oggi infatti sta godendo appieno dei semi gettati da Roncalli che stanno dando frutti straordinari. Un esempio su tutti? Le tante chiese cattoliche non più destinate al culto, concesse in uso alle comunità ortodosse. L'ultimo esempio lo si è avuto nei giorni scorsi a Viterbo, dove alla presenza delle autorità cattoliche ed ortodosse, una Chiesa situata nel centro storico della “Città dei Papi” è stata ceduta alla parrocchia della comunità romena presente in gran numero nel capoluogo laziale. Anche a Torino, Reggio Calabria, Bari, Ragusa, Pavia, Ravenna, Perugia, tanto per citare i casi più recenti,  le comunità ortodosse presenti e radicate nel tessuto sociale ed economico cittadino, hanno ottenuto la possibilità di usufruire per l’esercizio del culto di vecchie chiese cattoliche, a dimostrazione di una piena comunione in Cristo ormai perfettamente raggiunta sul piano spirituale. Fu proprio il vescovo Roncalli, negli anni in cui fu nunzio in Bulgaria, ad avviare i primi segnali di dialogo e di distensione con il mondo ortodosso. Nonostante l'ostilità che animava le rispettive comunità cristiane, Roncalli praticando un approccio meno invasivo e più aperto alle ragioni degli altri, seppe instaurare un dialogo positivo fondato sul reciproco rispetto, dimostrando con i fatti come l'interesse dei cattolici non fosse affatto quello di convertire ad ogni costo gli ortodossi, ma di far prevalere tutto ciò che univa rispetto a ciò che generava contrasto. Non mancarono, durante la permanenza di Roncalli in Bulgaria, diverse occasioni di incontro con i capi della chiesa ortodossa e momenti di reciproco aiuto e solidarietà fra le comunità, visti con grande diffidenza a Roma. Don Angelo, come veniva bonariamente chiamato, riuscì diplomaticamente anche a scongiurare uno scontro fra la Chiesa cattolica e quella ortodossa in occasione del matrimonio fra il re Boris III e la principessa italiana Giovanna di Savoia. Papa Pio XI concesse la dispensa per il matrimonio misto a patto che le nozze fossero celebrate unicamente con rito cattolico e che la prole fosse educata alla fede cattolica. Invece re Boris, dopo aver sposato Giovanna in Italia con rito cattolico, tornato in Bulgaria fece celebrare il matrimonio anche  secondo il rito ortodosso, provocando la dura reazione della Santa Sede. Roncalli seppe risolvere la controversia senza rotture traumatiche e con grande saggezza. Il seme era stato gettato e i frutti del dialogo sarebbero maturati successivamente, nonostante proprio l'approccio positivo e fraterno del futuro pontefice verso gli ortodossi, fu probabilmente alla base del suo trasferimento in Turchia. Poi arrivò Giovanni XXIII, il Papa del Concilio Vaticano II, un evento che attraverso il riconoscimento di "quel fondamento di verità presente in ogni religione" ha permesso al seme di iniziare a germogliare. Oggi, pur in assenza di una comunione totale fra le due chiese, cattolici ed ortodossi sono sempre più vicini sul piano spirituale soprattutto nelle piccole realtà dove il dialogo e la collaborazione è intensa oltre che straordinariamente costruttiva. Papa Giovanni prima di altri comprese che certe barriere dovevano essere abbattute in nome delle comuni radici cristiane e si adoperò in tal senso, superando i pregiudizi e le resistenze che impedivano al dialogo di prendere forma e di svilupparsi. Ecco perchè non occorre l'autenticità di un secondo miracolo per acclarare la santità di Angelo Roncalli.  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]