Tevez saluta la Juve: trovato l'accordo col Boca, l'Apache torna a casa

24 giugno 2015, Adriano Scianca
Tevez saluta la Juve: trovato l'accordo col Boca, l'Apache torna a casa
Sanguigno, arrabbiato, combattente e (si diceva) testa calda. Carlos Tevez, nei suoi due anni alla Juventus, è stato tutto questo, tranne l'ultima cosa: arrivato con la fama di personaggio difficile da gestire, uno spacca-spogliatoi capace di arrivare anche alle mani con gli allenatori, l'argentino lascia Torino dopo due stagioni esemplari, da professionista navigato. 

Tanto è bastato per entrare nel cuore dei tifosi. Nel suo cuore, invece, la Juve ci è entrata relativamente. La sua parentesi italiana era a termine sin dall'inizio: tre stagioni, a giugno 2016 se ne doveva tornare in Argentina. Ci è tornato un anno prima, non appena la Juve ha trovato l'accordo con il Boca Juniors, la squadra dei sogni, la squadra che tifava da bambino. 

Carlitos lascia l'Italia con un bottino di 50 gol in 96 partite, due scudetti, una Supercoppa e una Coppa Italia. Resta l'amaro in bocca per quella finale di Champions, persa però contro un avversario più forte e al termine di una stagione in cui il tetto d'Europa era un obbiettivo inizialmente neanche sognato. 

L'accordo con gli argentini è stato trovato oggi: la formula prevede la cessione di Tevez per una cifra vicina ai cinque milioni più il prestito di Guido Vadalà, trequartista classe ’97. Oltre a Vadalà, Marotta ha strappato l’opzione per Cristian Pavon e Franco Cristaldo, entrambi classe 1996.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]