Brexit, Becchi Vs Grillo: “Dai 5S un tradimento totale. Finiranno come Tsipras"

24 giugno 2016 ore 12:09, Marta Moriconi
“Il M5S ha tradito totalmente il programma originario con cui ha preso un sacco di voti alle europee: un tradimento totale fatto da questa nuova linea che governa il M5S: una linea moderata, pro-Ue, pro moneta unica”. E’ durissimo il j’accuse di Paolo Becchi, docente universitario ed ex ideologo dei 5Stelle nella conversazione con Intelligonews il giorno dopo l’onda d’urto di Brexit che sintetizza così: “Sta sorgendo un movimento di liberazione dalla dittatura dell’Ue”. 

Come commenta l’uscita dalla Gran Bretagna e come cambierà l’Unione europea?

"Sta sorgendo un movimento di liberazione dalla dittatura dell’Ue. Questo mostro comincia a essere visto come tale da molti cittadini. Il primo segnale è stato in Austria, dove alla fine si è cercato di salvare il salvabile; poi c’è stata questa enorme vittoria di un uomo che ha dedicato al sua vita a questa battaglia: Farage". 

Brexit, Becchi Vs Grillo: “Dai 5S un tradimento totale. Finiranno come Tsipras'
A proposito di Farage, come legge la mossa del M5S?

"Il Movimento ha tradito il programma originario senza consultare gli iscritti. Cito il punto 10 che è apparso ieri in cui si dice che il Movimento non ha mai parlato di uscire dall’Ue senza fare neanche un cenno minimo all’euro; è il fallimento rispetto al programma originario del Movimento. Io ho trovato i due testi, il programma originario e quello attuale e ne ho fatto un post che dovrebbe apparire nel mio blog sul fatto quotidiano. E’ un tradimento totale del programma fatto da questa nuova linea che governa il M5S, una linea moderata, pro-Ue, pro moneta unica". 

Sono passati dalla lotta al governo? 

"Sono passati dalla lotta al governo, ma attenzione, c’è il rischio che facciano la fine di Tsipras perché prima o poi gli italiani capiranno di essere stati presi per il c...o anche dal Movimento 5Stelle. Ora c’è questo grande successo elettorale, come quello di Tsipras, ma la delusione sarà altrettanto grave perché è un Movimento che sta tradendo il consenso popolare per cui ha avuto un sacco di voti alle elezioni europee". 

Effetto Brexit anche sull’Italia oppure non ci sarà l’onda d’urto?

"Questo dipenderà molto dalla Lega. Se la Lega riuscirà a trasformarsi da Lega del Nord a Lega d’Italia, cancellando il tema delle ruspe, anche perché le ruspe rischiano di asfaltare Salvini dal momento non è solo con le ruspe che si fa politica; ecco lui potrebbe recuperare la battaglia contro l’Ue e l’euiro e questo secondo me è l’aspetto principale, rispetto all’immigrazione che è l’effetto, ma la causa del male soni la dittatura europea e l’euro che ci stanno affondando". 

A questo punto, si potrebbe arrivare al passaggio ad una confederazione di più Stati nazionali?

"Certamente. Per iniziare un processo del genere, penso che si dovrebbe andare oltre gli Stati nazionali; del resto anche l’Europa è ormai divisa regionalmente, con regioni che hanno maggiori scambi all’interno degli Stati nazionali; pensiamo alle regioni del Nord d’Italia e alla Baviera. Bisogna ripensare il modello europeo, sono convinto che questo sia necessario e voglio ribadire che gli euroscettici non sono contro l’Europa ma contro l’Unione europea: è fallito il processo che c’è stato dal Trattato di Maastricht in poi; l’unica cosa è uscire dai Trattati e gli inglesi hanno scelto di uscire dal Trattato di Lisbona, dimostrando che non solo si può ma si deve, nonostante l'imponente propaganda messa in piedi dal governo inglese e dai media italiani. Non hanno nulla da temere: hanno la loro moneta che si svaluterà un pochino ma poi andrà tutto a posto; gli inglesi hanno dimostrato di essere liberi". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]