Napo garante... ancora una volta

24 luglio 2013 ore 16:47, intelligo
Napo garante... ancora una volta
Libertà? Napolitano dice responsabilità.
Nel giorno della fiducia tocca sempre al Capo dello Stato ergersi come garante di stabilità. Perché il “consiglio” a far procedere la legislatura va proprio inteso come salvaguardia da «rischi e contraccolpi assai gravi» per la solidità del Paese. Uno scenario che forse non era tanto lontano dall’attuarsi, se perfino Napolitano ha sentito la “necessità” di spendere parole in tal senso. Un monito arrivato dopo critiche dell’ex presidente della Camera, Fausto Bertinotti, il quale ha sottolineato come il Colle «non può congelare d'autorità una delle possibili soluzioni al problema del governo del Paese». Il presidente della Repubblica, da uomo politico vissuto, sa che con l’afa gli strani pensieri ribollono quindi ha voluto bloccare sul nascere qualunque tipo di “sorpresa per il Paese”, consapevole che “di azzardi la democrazia italiana ne ha vissuti fin troppi”: «Il Parlamento è libero, in ogni momento, di votare la sfiducia al governo Letta - ha detto Napolitano - ma il Presidente ha il dovere di mettere in guardia il Paese e le forze politiche rispetto ai rischi e ai contraccolpi assai gravi, in primo luogo sotto il profilo economico e sociale, che una ulteriore destabilizzazione del quadro politico-istituzionale comporterebbe per l'Italia».
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]