Scoperta Made in Italy: l'olio extravergine fa bene anche al diabete

24 luglio 2015, intelligo
L'Italia è il secondo produttore al mondo di olio extravergine d'oliva. Anche per questo lo studio italiano pubblicato su Nutrition & Diabetes riempie d'orgoglio lo Stivale e tutti coloro i quali, in modo diverso, contribuiscono alla salute dei suoi abitanti. Anche attraverso una sana alimentazione. 

Scoperta Made in Italy: l'olio extravergine fa bene anche al diabete
I ricercatori dell'Università “La Sapienza” di Roma hanno svelato il potenziale dell'olio extravergine d'oliva nella prevenzione e nella cura del diabete.

Secondo lo studio, quando non si ha ancora a che fare con questa malattia, l'olio extravergine d'oliva aiuta a ridurre la glicemia (gli zuccheri nel sangue) e ad aumentare l'insulinemia (la quantità d'insulina).

Dallo studio emerge come l'olio extravergine possa aiutare anche chi è già alle prese con il diabete, situazione in cui i livelli di zuccheri nel sangue dopo i pasti possono aumentare pericolosamente.

"Per la prima volta dimostriamo che l'olio extravergine d'oliva migliora i livelli post-prandiali di glucosio e colesterolo LDL" spiegano i ricercatori, sottolineando che si tratta di un effetto che potrebbe spiegare l'azione antiaterosclerotica della Dieta Mediterranea.

L'Italia è il secondo produttore in Europa e nel mondo di olio di oliva con una produzione nazionale media di quasi mezzo milione tonnellate, due terzi dei quali extravergine e con ben 41 denominazioni DOP e un'IGP riconosciute dall'Unione europea. 

Per quanto attiene le zone altimetriche, l'olivo è diffuso per il 2% in montagna, il 53% in collina e per il 44% in pianura. Per le caratteristiche stesse della pianta, che necessita di un clima mite, la coltivazione dell'olivo in Italia è molto diffusa nelle regioni del Centro (19%) e del Sud (77,9%), mentre al Nord la produzione è più limitata (2%), ma in aumento, concentrandosi particolarmente in alcune zone a microclima più temperato, come per esempio la Liguria e le zone collinari attorno al Lago di Garda.

Seguici su Facebook e Twitter

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]