Scatta l’Operazione Uncle tra spie, guerra fredda e bomba atomica

24 luglio 2015, intelligo
Scatta l’Operazione Uncle tra spie, guerra fredda e bomba atomica
La guerra fredda rivista e corretta in chiave autoironica. Scatta l’Operazione Uncle, ma solo al cinema. E’ la spy story firmata da Guy Ritchie, patron dell’ultimo Sherlock Holmes, presentato a Londra dalla Warner in vista dell’uscita il prossimo 2 settembre nelle sale.

Il film racconta la storia, ispirata a una serie tv brittanica molto seguita in passato, di due agenti impegnati in una missione contro il rischio di una tragedia nucleare che incombe nella sfida perenne tra America e Russia. Inizialmente “avversari”, le peripezie che dovranno affrontare alla fine li renderanno una “squadra”. L’agente americano Napoleon Solo, interpretato da Henry Cavill (ex Superman nell'Uomo d'Acciaio); e l’omologo russo Ilya Kanyakin, interpretato da Armie Hammer . 

Il film è stato girato in parte in Italia, a Roma e Napoli punta “all’intrattenimento” come spiega all’Ansa Cavill, senza voler essere tuttavia “semplicistico”. Il messaggio è che il mondo non è sempre diviso fra bene e male, che i contatti e persino le contrapposizioni umane rendono le persone più vicine, al di là di ogni ideologia. Le protagoniste femminili sono la svedese Alicia Vikander ('Anna Karenina', 'The Royal Affair'), che interpreta Gaby, figlia di uno scienziato tedesco che criminali nostalgici del nazismo hanno catturato per farsi consegnare la formula semplificata di una bomba atomica e l’australiana Elizabeth Debicki ('Il Grande Gatsby'), nella parte della cattiva Victoria, moglie del playboy italiano Alessandro (Luca Calvani, cattivissimo pure lui), erede di una fortuna dal padre fascista e nasconde i laboratori dell’organizzazione criminale nelle aziende di famiglia.

Il film propone un lieto fine con la collaborazione dei servizi segreti russi e americani contro la minaccia di un attacco nucleare. In tutto ciò, si ritaglia un ruolo Waverly, ovvero Hugh Grant, al servizio dell'intelligence di Sua Maestà britannica che immancabilmente si poi si rivelerà vero burattinaio dell'operazione U.N.C.L.E. (sigla dell’inusuale network di spie alleate contro il crimine). 

Seguici su Facebook e Twitter


LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]