Google lancia Timeline e archivia la memoria: "maps del passato" per non dimenticare

24 luglio 2015, Americo Mascarucci
Incredibile ma vero, presto la memoria potrebbe non servire più; infatti quello che avremo visto potrà essere riprodotto sullo schermo di un tablet o un pc. Si tratta di un brevetto di Google, che ha immaginato la possibilità di registrare filmati - attraverso dispositivi indossabili come i Google Glass - per poi trasmetterli allo smartphone e memorizzarli nel 'cloud'. Per rivivere i propri ricordi sarà sufficiente fare una ricerca utilizzando una parola chiave
Google lancia Timeline e archivia la memoria: 'maps del passato' per non dimenticare
precedentemente inserita al momento del salvataggio. 

 Il brevetto va oltre Google Maps, per cui Big G ha appena annunciato la nuova funzione 'Timeline', grazie alla quale sarà possibile vedere una mappa di tutti gli spostamenti del passato. Google, in sostanza, punta ad offrire non solo la possibilità di rivivere bei ricordi come quelli legati a un viaggio, ma anche un aiuto sul lavoro e più in generale nella quotidianità, quando la memoria fa cilecca. 

Basterà infatti una semplice domanda per ricordare tutto, ad esempio l’autore di un quadro visto ad una mostra, il titolo di un libro letto in un determinato periodo o di un film visto, il numero delle persone presenti ad un pranzo di lavoro ecc. Un altro utilizzo - che suscita perplessità sulla privacy ma che è coerente con le voci secondo cui Google starebbe lavorando a una versione 'aziendale' dei suoi Glass - riguarda le riprese video fatte da più persone. 

L'idea è che i video siano registrati da un gruppo di guardie di sicurezza mentre sono al lavoro, ed eventualmente esaminati in seguito per visualizzare tutti i volti che sono stati inquadrati dalle guardie in un orario preciso, così da poter individuare, ad esempio, l'autore di un crimine. Insomma i progressi della tecnologia sembrano non incontrare confini e andare sempre verso nuove e più sofisticate forme di evoluzione della memoria virtuale. 

E della memoria reale che ne sarà? 

Ne uscirà indebolita come temono molti o al contrario manterrà comunque la sua solidità dovendo in ogni caso interagire con la tecnologia?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]