Cuffie hacker, un malware può spiarci anche così: come difendersi [VIDEO]

24 novembre 2016 ore 9:05, Micaela Del Monte
Anche le cuffiette auricolari possono essere preziose agli hacker. I ricercatori della Ben Gurion University di Israele sono recentemente riusciti a creare un malware in grado di piratare la funzione audio jack retasking dei codedc Realtek, solitamente in bundle nella maggior parte delle schede madri per PC. Quello che succede è che le cuffie possono essere utilizzate per ascoltare gli utenti. Per ora si tratterebbe solo di uno studio di “fattibilità”, ma nasconde in sé una minaccia concreta, quantomeno tecnicamente realizzabile.
Cuffie hacker, un malware può spiarci anche così: come difendersi [VIDEO]
Per ora i ricercatori hanno ottenuto risultati solo su PC dotati di codec RealTek, ma non è escluso che lo stesso si possa ottenere su tablet, smartphone e altri dispositivi dotati di jack per cuffie. Va anche detto che al momento non ci sono prove di una presenza di un malware analogo in rete.

Ma come funzionerebbe e come ci si può difendere? Quando parliamo le vibrazioni e le onde sonore emesse dalla nostra bocca arrivano al diaframma delle cuffie, che possono fungere da pseudo-microfono. Ad ogni modo, per funzionare, questo malware deve essere installato per funzionare. Il metodo più semplice per evitare che questo accada è quello di disabilitare l’hardware audio direttamente dalle impostazioni BIOS, in modo da impedire al malware di accedere al chip (ovviamente, così, non si potrà usare l’audio del tutto) e ovviamente staccare le cuffie dal PC quando non le state utilizzando.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]