Mosul, guerra senza limiti: le strategie "horror" Isis contro i curdi

24 ottobre 2016 ore 10:39, Andrea Barcariol
Scontro finale per Mosul. I peshmerga curdi hanno annunciato: "Siamo a 9 km da Mosul", dopo il settimo giorno dell'offensiva contro l'Isis che controlla la città irachena dal giugno del 2014. La battaglia però è sempre più cruenta e contro i raid aerei i jihadisti stanno utilizzando bambini e donne come scudi umani sui tetti della case. Secondo fonti presenti sul posto, verrà appiccato il fuoco al petrolio messo nelle trincee non appena le forze curdo-irachene si avvicineranno alle linee difensive dell'Isis. Non solo. I militanti dell'Isis avrebbero disseminato la città di ordigni artigianali carichi di sostante chimiche nocive che avrebbero effetti devastanti sia sugli avversari sia sulla popolazione civile, anche se si tratta di informazioni non verificabili. Anche Papa Francesco è intervenuto sulla vicenda, commentando quanto sta accadendo: "In queste ore drammatiche sono vicino alla intera popolazione dell'Iraq, in particolare a quella della città di Mosul, dove efferati atti di crudeltà da troppo tempo si stanno commettendo contro cittadini innocenti. Sono rimasto addolorato dall'uccisione a sangue freddo di numerosi figli di quella amata terra, tra cui anche tanti bambini, questa violenza ci fa piangere".

Mosul, guerra senza limiti: le strategie 'horror' Isis contro i curdi
L'Unicef stima che siano oltre 4.000 le persone fuggite dalle zone intorno a Mosul dall'inizio dell'offensiva militare per riconquistare la città. Una guerra combattuta metro per metro, senza limiti etici e morali. "I terroristi useranno tutte le loro armi a disposizione, anche le più sporche, ma noi siamo pronti - ha spiegato il generale dei peshmerga Sirwan Barzani - Abbiamo un decimo delle munizioni rispetto a quelle a disposizione dei terroristi, parlate dei peshmerga come eroi, difensori della libertà contro gli islamisti, ma poi non ci date i mezzi per combattere, è come se ci aveste imposto le sanzioniLa guerra chimica è cominciata, molti nostri soldati sono rimasti intossicati".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]