Atletica, vince la medaglia d'oro e la usa per pagare il taxi

25 agosto 2015, Micaela Del Monte
Atletica, vince la medaglia d'oro e la usa per pagare il taxi
Vince la medaglia d'oro a Pechino nei Mondiali di atletica, si ubriaca e paga il taxi per tornare in albergo proprio con quella tanto agognata e sudata medaglia.

Poi si sveglia e si rende conto del danno che si è arrecato da solo, della perdita immensa (sopratutto emotiva) che ha subito a causa della troppa gioia, così chiama la Polizia per recuperarla.

Non è una barzelletta, assolutamente, ma quello che è accaduto al polacco Pawel Fajdek, neocampione del mondo nel lancio del martello a Pechino che dopo la fatica per il raggiungimento di quel traguardo per il quale probabilmente si allenava da sempre ha dovuto faticare di nuovo per riaverla.

A raccontare la storia di Fajdek è stato il giornale Marca online:

Il polacco, dopo aver vinto la sua gara, si sarebbe dedicato ai festeggiamenti in un ristorante della capitale cinese. In preda ai fumi dell'alcool, ha preso un taxi per tornare in albergo e al momento di scendere ha pagato con la prima cosa preziosa che si è ritrovato tra le mani. Poi in camera la scoperta: il campione polacco ha chiamato la polizia di Pechino, ha denunciato di aver smarrito la medaglia d'oro e una volta rintracciato il numero del taxi ha dovuto faticare non poco per dimostrare di aver smarrito il prezioso trofeo. ''Mi ha pagato con quella medaglia'', ha insistito l'autista. 

Alla fine, medaglia e medagliato si sono però ritrovati. Un doppio lieto fine al termine di una doppia fatica, alla fine stringere per la seconda volta quella medaglia potrebbe essere stato più bello che stringerla la prima volta.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]