Sardegna a fuoco, inchiesta sugli incendi dolosi per 3 mila ettari fra Planargia e Montiferru

25 agosto 2016 ore 11:15, Americo Mascarucci
E’ stata aperta un’indagine giudiziaria per individuare i responsabili dei roghi che in Sardegna hanno devastato le campagne tra Sagama e Scano Montiferro in Planargia e Montiferru.
Il vasto incendio, chiaramente di origine dolosa, è scoppiato ieri tra le province di Nuoro e Oristano, nella Sardegna centrale, e avrebbe incenerito, secondo i primi accertamenti, dai due ai tremila ettari di bosco e di pascolo.
Le operazioni si sono protratte per ore e sono terminate soltanto all'alba di oggi. 
A Scano Montiferro è stata istituita un'unità mobile dei vigili del fuoco che ha coordinato le squadre della forestale, dei barracelli e dei numerosi volontari.   
C’è voluta l’intera notte per mettere in sicurezza un territorio vastissimo che ha riguardato i comuni di Sindia, Suni, Sagama, Scano Montiferro e Sennariolo. 

Sardegna a fuoco, inchiesta sugli incendi dolosi per 3 mila ettari fra Planargia e Montiferru
Le fiamme ieri si sono estese fino in prossimità ai centri abitati, soprattutto a Scano Montiferro dove una casa di riposo con 20 ospiti è stata evacuata. 
Sono decine le aziende agricole danneggiate e intere greggi sono rimasti uccisi nel rogo. Pascoli alberati, vigne, campi coltivati e diverse centinaia di ettari di bosco non esistono più. Danni ingenti alle aziende agricole.
Un atto criminale che ha ovviamente obbligato l’autorità giudiziaria a dare inizio alle indagini per individuare i responsabili e i moventi dell’incendio. 
L'ipotesi di reato è disastro ambientale. 
Fortunatamente non si contano vittime.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]