Della Luna: «Con Renzi il complotto è servito. Padoan avvantaggerà i padroni. Lo Stato potrebbe costituire una banca...»

25 febbraio 2014 ore 13:20, intelligo
di Giuseppe Tetto
Della Luna: «Con Renzi il complotto è servito. Padoan avvantaggerà i padroni. Lo Stato potrebbe costituire una banca...»
Mentre il nuovo esecutivo tasta la morbidezza delle poltrone di palazzo Chigi, c’è già chi non vede di buon occhio la strada che Renzi e il suo team hanno imboccato. Si chiama Marco Della Luna, fa l'avvocato ma è anche uno dei massimi esperti di  Tecniche di Dominazione e Condizionamento economiche, psicologiche, giuridiche, religiose. Per lui è «un governo di incompetenti al servizio delle lobby». Una posizione dura, che precisa a IntelligoNews, e che abbiamo voluto analizzare senza peli sulla lingua. Il suo è uno sguardo critico al piano di ripresa economica del neo premier Renzi. Sblocco immediato di tutti i debiti della Pa verso le imprese, riduzione del 10% del cuneo fiscale e costituzione di un fondo di garanzia per le Pmi. Il governo Renzi parte con i fuochi d’artificio, ma il cittadino cosa deve aspettarsi? «Un forte peggioramento della propria condizione anche in prospettiva. Ecco cosa lo attende. Le promesse fatte da Renzi hanno lo stile dell’imbonitore: molti impegni in termini vaghi che possono raccogliere consenso. Molto contenitore poco contenuto. Nessuna chiarezza sui mezzi pragmatici con cui finanziare le operazioni, non ha detto infatti dove troverà i miliardi, ha solo lasciato correre voci». E dove bisogna guardare per racimolare le coperture? «Tecnicamente e giuridicamente è attuabile in un modo specifico: in base all’art.123 del trattato dell’Unione Europea,  di proprietà pubblica/statale o utilizzare la cassa Deposito e Prestiti, per accedere ai finanziamenti come le altre banche, cioè allo 0,25%, presso la Banca centrale europea. In questo modo lo Stato potrebbe rifinanziare il debito pubblico risparmiando circa 80 miliardi l’anno e potrebbe erogare così il denaro necessario. Cosa che però non verrà mai attuata». Per quale ragione? «Renzi ha detto: “Se non riusciremo la colpa sarà solo mia”. Io dico, invece, che la colpa sarà in primo luogo di Giorgio Napolitano, che è al suo terzo governo senza legittimazione democratica-popolare, come quello di Letta e Monti prima di lui. Tre governi con l’unico scopo di trasferire risorse e risparmio dall’Italia ai Paesi dominanti dell’Unione europea, come la Germania e ad altri potentati finanziari sovranazionali. Il governo Renzi è un governo di apparente rinnovamento, di apparente giovinezza e freschezza che si riduce a una banda di giovani incompetenti, con dietro alcune figure forti, tutti esponenti delle lobby». A chi si riferisce? «Uno su tutti al nuovo ministro dell’Economia, Padoan». Che opinione si è fatto dell’ennesimo tecnico al ministero del Tesoro? «Ha una carriera al servizio degli organismi di predazione finanziaria mondiale, cominciando dal Fondo Monetario Internazionale che ha depredato e ridotto alla fame l’Argentina e con le stesse modalità si è interessato alla Grecia. Padoan è strettamente legato a questo tipo di operazioni che hanno caratterizzato gli ultimi 20 anni, con riforme che hanno trasferito gran parte della ricchezza dai ceti medio-bassi verso i ceti altissimi. Quindi è un uomo che ha costruito la sua carriera su operazioni che hanno fatto un danno enorme agli interessi collettivi, a vantaggio solo degli interessi del padrone».  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]