Accordo Usa-Cina su sanzioni alla Corea del Nord: "Mai armi nucleari"

25 febbraio 2016 ore 11:13, Americo Mascarucci
Cina e Stati Uniti hanno raggiunto un accordo per una risoluzione da presentare alle Nazioni Unite sul programma nucleare nord-coreano 
I due Paesi hanno ribadito che non accetteranno il regime retto da Kim Jong-un come uno Stato dotato di armi nucleari. 
L'accordo, annunciato dalla Casa Bianca, è giunto durante l'incontro tra il consigliere per la Sicurezza Nazionale di Washington, Susan Rice, e il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, in questi giorni in visita negli Stati Uniti. 
C'è consenso nel sostenere che l'obiettivo delle eventuali sanzioni non è quello di peggiorare la situazione di stallo con il regime nordcoreano di Kim Jong-un, bensì di convincere Pyongyang a riprendere i colloqui sulla fine del suo programma nucleare. Si punta anche a ricostruire un dialogo tra il regime e la comunità internazionale.
Insomma, Pechino e Washington vorrebbero una ripresa dei cosiddetti colloqui a sei, cioè quelli che dovrebbero far sedere attorno a un tavolo, oltre alla Corea del Nord, Cina, Stati Uniti, Russia, Corea del Sud e Giappone. 

Accordo Usa-Cina su sanzioni alla Corea del Nord: 'Mai armi nucleari'
Pechino è sempre stata contraria alle sanzioni verso la Corea del Nord, paese verso cui esporta ingenti quantità di beni di prima necessità, come il petrolio. L'eventualità di sanzionare la Corea del Nord era emersa dopo l'ultimo test balistico da parte di Pyongyang, risalente allo scorso 6 febbraio. Un mese prima il regime aveva effettuato l'ultimo esperimento nucleare sotterraneo, che il regime di Kim Jong-un dichiara essere stato compiuto con una bomba H, anche se molti osservatori americani dubitano che Pyongyang possa essere dotata di un ordigno termonucleare.
Se Cina e Usa hanno raggiunto un accordo a Washington sulla Corea del Nord, da Pechino rimane chiaro, invece, il no al sistema anti-missilistico che Washington vuole utilizzare in Corea del Sud per contrastare eventuali altri lanci missilistici di Pyongyang. 
"Comprendiamo la legittime preoccupazioni per la Sicurezza della Corea del Sud, ma nessun Paese dovrebbe danneggiare la sicurezza degli altri per perseguire la propria" è la posizione cinese..

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]