Il Nobel per la pace Peres al secondo ricovero in 10 giorni: l'apprensione di Israele

25 gennaio 2016 ore 10:24, Lucia Bigozzi
Fitte al petto, poi la corsa in ambulanza verso l’ospedale. Israele col fiato sospeso per la salute di Shimon Peres, ex presidente e premier che ieri sera ha accusato un malore che ne ha reso necessario il ricovero nel centro ospedaliero specializzato in malattie cardiache. Secondo quanto riportato dai media israeliani, Peres, 92 anni, ha accusato una forte pressione all’altezza del petto. E’ il secondo ricovero nell’arco di pochi giorni per l’anziano uomo politico: il 19 gennaio, una nuova corsa in ospedale e successivamente, dopo i controlli e gli esami clinici necessari a delineare il suo quadro fisico, Peres era stato sottoposto a un intervento di angioplastica. Intervento conclusosi positivamente, al punto che i medici ne avevano disposto la dimissione confermando la diagnosi che segnalava un leggere attacco di cuore.  Secondo quanto riportato dai media israeliani, i sanitari che seguono l’ex presidente, ieri sera dopo il nuovo malore che lo ha colpito, ieri sera hanno deciso il ricovero immediato in ospedale. Un portavoce del premio Nobel per la pace, in una nota ha spiegato che Peres è stato trasferito nella struttura sanitaria dopo aver accusato dolori al petto e un’aritmia. L’ex premier ha trascorso la notte nel centri clinico, a Tel Aviv, e i sanitari lo hanno posto “sotto osservazione” e ad alcuni esami ed analisi approfondite per verificare bene la causa del malore, specialmente dopo il recente intervento chirurgico al quale è stato sottoposto. 

Il Nobel per la pace Peres al secondo ricovero in 10 giorni: l'apprensione di Israele
 Dieci giorni fa, dopo l’operazione, all’ex premier israeliano era stata eseguita una cateterizzazione cardiaca seguita da angioplastica.  Una figura politica di altissimo livello in Israele, Peres ha terminato il suo mandato da nono presidente dello Stato ebraico nel 2014 ma, da uomo tenace quale si è sempre dimostrato,  è rimasto molto attivo rispetto alla politica e alle vicende chiave del suo Paese, specie in questo momento e dopo il risveglio dell’Intifada, diventata Intifada dei coltelli. Ha fondato e guida una organizzazione non governativa denominata “Il Centro Peres per la pace” che in breve tempo si è trasformata in uno dei punti di riferimento della politica finalizzata alla promozione e sensibilizzazione della coesistenza pacifica tra arabi ed ebrei. Peres è stato inoltre uno dei protagonisti delle azioni che in tutti questi anni hanno sempre guardato allo sviluppo della pace nella tribolata area del Medio Oriente. Peres ha all’attivo bem settanta anni di carriera politica durante la quale ha ricoperto gli incarichi più prestigiosi per il suo Paese. Ora Israele, teme per la sua salute e nel mondo sono in tanti ad auspicare che l'anziano statista si possa riprendere al più presto.

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]