Cinquanta sfumature di polemiche: Moige contro il sesso in prima serata

25 gennaio 2016 ore 14:35, Micaela Del Monte
"Cinquanta sfumature di grigio" torna a far polemica. Dopo la sua uscita nella sale, che ha suscitato non poco scalpore, adesso anche l'arrivo in tv, in prima serata, non è da meno.

La scelta infatti di Mediaset di trasmettere quella che è stata definita la pellicola più osé del decennio in orario sensibile è infatti aspramente criticata da Moige, il Movimento Italiano Genitori, che ha sottolineato come "50 sfumature di grigio" sia un film completamente inadatto ai minori (e non è un caso che sia stato vietato ai minori di 14 anni) che a quell'ora sono ancora svegli e magari seduti davanti alla televisione. La decisione è stata definita da Moige "eticamente scorretta e decisamente lesiva verso i minori, televisivamente violati con una programmazione inadatta alla loro età".
Cinquanta sfumature di polemiche: Moige contro il sesso in prima serata
E non solo, nella nota firmata da Elisabetta Scala gli inserzionisti sono anche invitati a rivalutare il loro investimento: "La pellicola è inadatta a un pubblico di minori. Questa non è televisione capace di esprimere rispetto verso le famiglie che ancora credono nel valore sociale e culturale della televisione, che utilizza concessioni pubbliche. Chiediamo alle aziende inserzioniste di ritirare gli spot da programmi lesivi e irrispettosi verso i nostri figli". E questo perché, come ormai è ben risaputo, la pellicola diretta da Sam Taylor-Johnson e interpretata da Dakota Johnson e Jamie Dornan presenta numerose scene che raccontano alcune pratiche sessuali poco convenzionali.

L'adattamento cinematografico del romanzo di successo della scrittrice inglese E.L. James racconta la storia di una giovane studentessa, Anastasia Steele, che un giorno incontra un giovane miliardario, Christian Grey, e perde la testa. La ragazza si sente fortemente attratta da quest'uomo avvenente e i due si lasciano andare, travolti dalla passione. Peccato, però, che lui è spinto da un forte bisogno di controllo e ha dei gusti erotici piuttosto forti e inusuali. Il film era stato infatti già  criticato perché contiene molte scene di sesso per un totale di 14 minuti e 17 secondi. 

Il film appartiene a un ciclo di prime visioni Mediaset che è partito lo scorso 18 gennaio con 'Sole a catinelle' che ha registrato 6,5 milioni di telespettatori e che porterà in onda su Canale 5 altre prime visioni, come Fast & Furious 6 e 7 , Jurassic World, American Sniper, diretto da Clint Eastwood, e Gravity, vincitore di 7 Oscar.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]