Trans, nozze gay e nuovo pianeta Terra, la settimana ‘alternativa’

25 luglio 2015, Lucia Bigozzi
Trans, nozze gay e nuovo pianeta Terra, la settimana ‘alternativa’
I temi che hanno tenuto banco fuori e dentro i palazzi della politica consegnano alle cronache una settimana ‘alternativa’. Dalla sentenza della Cassazione sul cambio di sesso all’anagrafe per i trans anche senza passare per il bisturi, a quella della Corte europea dei Diritti dell’Uomo che condanna l’Italia per la mancanza di una legge sulle unioni civili, si sono scatenati i pro e i contro. Sullo sfondo, il destino del ddl Cirinnà e la nuova sfida lanciata a Renzi da Alfano…

STRASBURGO DOCET? Intelligonews ha raccolto le posizioni in campo e al di là di come la si pensi, la sentenza di Strasburgo ha avuto un impatto notevole nei delicati equilibri della maggioranza e più in generale nel dibattito che coinvolge non solo “addetti ai lavori” ma anche intellettuali. Il leit motiv è quello dei diritti civili. Alessandro Cecchi Paone, giornalista, divulgatore scientifico e consigliere di Berlusconi sui diritti civili, plaude alla Corte europea rilevando che “di fronte all'inerzia dei poteri politici sui diritti civili, i magistrati hanno l'obbligo di supplenza”. 

Distanza siderale quella di Filippo Savarese, portavoce della Manif Pour Tous Italia, convinto che la decisione dei giudici europei vada contro la nostra Costituzione, ma soprattutto rileva una certa “reticenza” della Chiesa. Il giornalista e intellettuale Marcello Veneziani usa la parola “aberrante” per commentare la sentenza che condanna l’Italia, ma Ivan Scalfarotto, sottosegretario alle Riforme da sempre impegnato in difesa dei diritti civili, la pensa all’opposto. Ha sospeso il digiuno di 18 giorni fatto per sollecitare l’approvazione del ddl Cirinnà, dopo le rassicurazioni di Renzi ma dopo la sentenza europea dice che “la raod map del premier va applicata inderogabilmente”. 

Se per il filosofo Diego Fusaro così vogliono distruggere il matrimonio, il direttore di Intelligonews Fabio Torriero si domanda di fronte a tutto ciò, che fine abbiano fatto i cattolici. E il presidente di Giuristi per la Vita, Gianfranco Amato tuona: “Vogliono un’altra Irlanda”. Sul finire della settimana piomba la ‘mossa’ di Area Popolare che con Maurizio Sacconi al Senato e Alessandro Pagano ed Eugenia Roccella alla Camera, presentano una proposta di legge alternativa al ddl Cirinnà che, in sostanza, raggruppa tutte le norme sui diritti individuali già votate dal parlamento negli ultimi quindici anni ed esclude adozioni e provvidenze pubbliche. Il senatore Sacconi definisce il testo della collega dem Cirinnà “ideologico” e Pagano rincara la dose: “Sì’ ai diritti individuali, no a matrimoni e adozioni”. Messaggio per Renzi. 

TRANS SENZA BISTURI. La sentenza, stavolta, è nostrana. La Cassazione dice che si può cambiare sesso all’anagrafe anche senza passare dalla sala operatoria. Vladimir Luxuria la aspettava da tempo, almeno fin da quando in Parlamento aveva presentato una proposta di legge che andava nella stessa direzione. A Intelligonews dice: “Così, persone libere e felici”.

LA NUOVA TERRA. Non si sa se sia ‘promessa’ o no, ma è certo che la scoperta ha del sensazionale ed è destinata ad aprire una nuova stagione di conoscenza nell’esplorazione dello spazio alla ricerca di forme di vita come la nostra su altri pianeti. In codice si chiama Kepler 425 b, definizione asettica, meglio se declinata col ‘pianeta gemello’ della Terra. Aveva ragione Giordando Bruno? E’ la provocazione s-moderata di Intelligonews. 

L’interrogativo, al di là del valore scientifico, però si pone ed ha sfaccettature che chiamano in causa il rapporto tra scienza e fede, ma anche la filosofia e la stessa religione. Da divulgatore scientifico e giornalista, Alessandro Cecchi Paone è entusiasta e dice che la scoperta avrà un impatto considerevole sia sul piano filosofico che su quello religioso. Versante quest’ultimo dove si potrebbero aprire varchi ai dubbi specie per una religione molto antropologica e legata alla Terra come quella cattolica. Di diverso parere lo storico Franco Cardini che da cattolico “colto e intelligente e per questo appartengo a una minoranza” è convinto che la scoperta della ‘nuova Terra’ sia la conferma dell’onnipotenza di Dio. 

Don Mauro Leonardi, sacerdote e blogger dell'Huffington Post Italia, spiega che “la teologia studierà la nuova realtà”. E per chi è interessato a una lettura dall’al di là “infernale”, padre Giacobbe Elia, esorcista spiega che “

Da qualsiasi prospettiva la si guardi, certo è che il nuovo viaggio è già cominciato.


autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]