Cannabis legale, Gasparri (Fi): “Parlo io che con Giovanardi sono "la Cassazione" sul tema: legge morta"

25 luglio 2016 ore 17:19, Lucia Bigozzi
“E’ una legge morta, che non andrà da nessuna parte e che oggi stesso viene sepolta in Commissione alla Camera dove torna per la sepoltura. Qualora come Lazzaro resuscitasse, verrebbe inumata al Senato in maniera irreversibile”. Più chiaro di così. La ‘sentenza’ è del senatore Maurizio Gasparri (Fi), vicepresidente dell’assemblea di Palazzo Madama, che nell’intervista con Intelligonews rilancia le tesi di Borsellino e Gratteri che contrappone a quelle di Saviano e Mieli. Con un messaggio al ministro Lorenzin…

La legge sulla cannabis libera mira creare sistemi alternativi alla mafia e superare il fallimento del proibizionismo. Cosa ne pensa?

"E’ una legge morta, che non andrà da nessuna parte e che oggi stesso viene sepolta in Commissione alla Camera dove torna, appunto, per la sepoltura. Qualora come Lazzaro resuscitasse, verrebbe inumata al Senato in maniera irreversibile. Come diceva Borsellino, confutato mi pare oggi da Saviano,gli obiettivi che si prefigge questa legge sono completamente sbagliati. La mafia non subirebbe alcun danno, anzi avrebbe un mercato potenziale più ampio perché in consumatori aumenterebbero e quindi potrebbe attirarli verso droghe più costose e redditizie per la criminalità organizzata, fermo restando che per quanto riguarda l’uso di cannabis se fosse legalizzato, resterebbero i minorenni ad alimentare lo spaccio perché essendo minorenni non potrebbero acquistare una droga legalizzata e sono il 75 per cento degli acquirenti. Aggiungo che le mafie traggono dalla cannabis il 4 per cento dei propri guadagni. Lo hanno spiegato benissimo Borsellino e Gratteri. Oggi su due principali giornali italiani ci sono due editoriali in cui vengono sostenute tesi che non reggono, minoritarie. Gli editoriali di Saviano e Mieli confermano che i grandi giornaloni vanno da una parte e il Paese dall’altra". 

Cannabis legale, Gasparri (Fi): “Parlo io che con Giovanardi sono 'la Cassazione' sul tema: legge morta'
Tinelli di San Patrignano a Intelligonews ha spiegato che la problematica del gioco d’azzardo è aumentata da quando si è liberalizzato. Non c’è il rischio che la liberalizzazione della cannabis porti allo stesso risultato? 

"Non c’è dubbio, solo degli idioti possono sostenere il contrario".

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin intervistata sulla legge ha detto: “Abbiamo vietato ai minori sigarette e alcol e gli diamo la marijuana?”. Cosa ne pensa? 

"Io sono il capofila di queste battaglie. La Lorenzin può essere una mia discepola. Io faccio queste battaglie da qualche decennio, sono un riferimento insieme a Carlo Giovanardi ed altri. Benvenuti a coloro che ci danno ragione. Non sono io che penso qualcosa di ciò che dice la Lorenzin, può chiedere alla Lorenzin cosa pensa di quello che dico io. Francamente, mi considero un riferimento saldo e coerente in questo campo insieme a Giovanardi. Come dire: siamo la ‘Cassazione’ in questa materia". 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]