Bambola gonfiabile Boldrini, dura Laura Puppato (Pd): “Regaliamo a Salvini un viaggio per la Turchia"

25 luglio 2016 ore 17:02, Lucia Bigozzi
“Regaliamo a Salvini un viaggio per la Turchia. In alternativa, possiamo ricordarci delle sue frasi sessiste quando andremo nelle urne a votare”. La senatrice dem Laura Puppato risponde pan per focaccia alla frase di Salvini sul presidente della Camera Boldrini sulla quale è esplosa la polemica. Nell’intervista con Intelligonews legge cosa c’è dietro e a Salvini dice: “Per noi la ‘Resistenza’ continua…”

“C'è una sosia della Boldrini qua sul palco”. Così Matteo Salvini ha accolto una bambola gonfiabile esibita da alcuni militanti durante un comizio. Esplode la polemica politica. Lei cosa ci vede dietro le parole del leader della Lega? 

"Regaliamo a Salvini un viaggio per la Turchia o qualche altro Paese che invece di andare avanti, fa passi indietro. Evidentemente lui ha qualche rapporto non positivo con le figure femminili. Lui vive la politica declinata al femminile in maniera piuttosto volgare e critica. Non mi pare che gli stia portando particolarmente bene; diciamo che è una cosa da tenere a mente per noi donne che oltretutto siamo il 52 per cento dell’elettorato, quando si tratterà di esprimere il nostro voto, un voto contro chi usa queste frasacce. La sua è proprio una stupidità preconcetta".

Bambola gonfiabile Boldrini, dura Laura Puppato (Pd): “Regaliamo a Salvini un viaggio per la Turchia'
Possibile che la politica si debba fare anche a colpi di sessismo? Secondo lei atteggiamenti del genere dovrebbero essere sanzionati con una legge ad hoc?

"Se questa fosse un’ipotesi che ci liberasse dal dover ogni volta intristirci a leggere commenti di questo sessismo da parte di esponenti della politica italiana, potremmo farlo. Temo che non ne trarremmo molta soddisfazione. Credo che più delle dimostrazioni o manifestazioni verbali, per Salvini possa valere la riprovazione delle donne al momento del voto; la nostra forza sta in questo, ovvero nell’avere buona memoria e di rendere la pariglia a chi ci giudica ancora come ha fatto Salvini, nonostante tutto ciò che stiamo dimostrando con un lavoro davvero indefesso. Ma a Salvini voglio dire una cosa…".

Cosa?

"In questa settimana ricorderò la figura di Tina Anselmi, grazie al cielo ancora tra noi, nel quarantesimo della sua nomina a ministro della Repubblica, è stata la prima donna. Quarant’anni dal primo incarico di governo a una donna è un passaggio che ci ha reso tutte molto più forti e responsabili, alla faccia di Salvini e della sua boutade politica. A lui diremo che per noi la ‘Resistenza’ continua".
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]