Grexit, per Tsipras non c'è niente da versare all'Fmi. Palla all'Eurogruppo

25 maggio 2015, Luca Lippi
Grexit, per Tsipras non c'è niente da versare all'Fmi. Palla all'Eurogruppo
Gli siamo andati incontro a tre quarti del percorso, ora loro devono venirci incontro facendo quell'ultimo quarto”. Con questa frase il ministro greco Yanis Varoufakis intervistato alla trasmissione “Andrew Marr show” sulla Bbc, ha chiuso senza lesinare colpi a nessuno la lunga intervista sulla questione greca.

In effetti, i ministri ellenici ormai attendono solo le decisioni dell’Eurogruppo, non hanno molto da dire e più nulla da nascondere. Sono chiare le parole del ministro dell’interno greco Nikos Voutsis che candidamente ha dichiarato quello che l’Europa conosce bene sin dall’inizio: “Le quattro rate per l’Fmi valgono un miliardo e 600 milioni, questo denaro non sarà versato e non ce n’è da versare”.

Le carte si scoprono e Varoufakis (che ha più di un sassolino da togliersi) rincara la dose affermando che la Grecia ha fatto molto più di quanto avrebbe mai potuto fare “ora spetta a queste istituzioni fare la loro parte”. Il riferimento è chiaramente alle istituzioni creditrici più che all’Europa.

E’ piuttosto chiaro che l’Europa non gradirà quanto dichiarato dai due ministri ellenici, è anche vero, però, che Yanis Varoufakis non è uno sprovveduto, e scoprendo le carte con spavalderia ha confermato quello che è il pensiero di ogni euroscettico e soprattutto di chiunque lo difende con troppa e sospetta convinzione, cioè che “un’uscita della Grecia dall’euro sarebbe catastrofica, l'inizio della fine per il processo della moneta unica”.

Probabilmente Yanis Varoufakis desidererebbe l’uscita dall’euro molto più di quanto lo desidera Tsipras, e questo non si verificherà mai per diversi motivi; per citarne solo due uno è che l’euro (nel bene o nel male) è già stato “scontato”, un altro motivo perché … lo ha detto chiaramente Yanis Varoufakis.

Attenzione solamente a leggere la notizia correttamente, molti organi d’informazione manipoleranno la frase del ministro delle finanze greco nascondendo il suo vero senso, scriveranno che Yanis Varoufakis prevede una catastrofe per la Grecia, in realtà la catastrofe, il ministro la prevede per l’Europa, ma si sa come la pensano all’Eurogruppo, per loro Yanis Varoufakis è un giocatore d’azzardo … con una registrazione fra le mani però! Un’intercettazione?

Occhi sul tavolo verde.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]