Cessione Milan: noti i nomi della cordata cinese ma Robin Li smentisce

25 maggio 2016 ore 11:54, Luca Lippi
Finisce il calcio giocato e comincia la girandola delle notizie, le quali un po’ meno del pallone, cercano di replicare le evoluzioni di quello vero sul campo.
L’argomento in cronaca è la cessione del Milan F.C. una telenovela a puntate che non troverà la conclusione a breve. Alle cronache ci sarebbe una rivelazione fatta dalla tv cinese Cctv che avrebbe svelato i nomi della cordata disposta a prendere possesso del pacchetto di maggioranza del club italiano più titolato.
Secondo China Central Television si tratta di Robin Li, fondatore e Ceo del motore di ricerca Baidu, ma soprattutto vice presidente di  Huawei, Hui Ka Yan, numero uno del fondo Evergrande Real Estate, e He Xiangjian, capo di Midea, gigante delle apparecchiature elettroniche. 
Secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport, Robin Li, Hui Ka Yan e He Xiangjian rappresentano insieme più di 30 miliardi di dollari (la triste rappresentazione dello spessore umano del secolo è ormai rappresentata dalla consistenza patrimoniale)

Cessione Milan: noti i nomi della cordata cinese ma Robin Li smentisce

Alla fiera delle ovvietà si aggiunge la notizia che i cinesi dovrebbero far sapere chi sono e quanti sono a partecipare all’eventuale acquisto, il diritto di prelazione scade il 15 giugno, e già che c’è una prelazione si evince che dietro, o in coda, ci sarebbero altri offerenti o candidati all’acquisto (presumibilmente di pari consistenza patrimoniale giacchè sarebbe illogico partecipare a un’asta con le mani vuote).
Altra ovvietà, Berlusconi, da parte sua, dovrà dichiarare la volontà, o meno, di proseguire nei negoziati. Alle cronache ci sarebbe una dichiarazione dell’attuale presidente del Milan che afferma: “Vendo ai cinesi, l’alternativa è che mettiate voi i soldi perché io non ne metto più”, le sue parole, raccolte da Tele Lombardia, rivolte lunedì sera ai commensali nel corso di una cena tenuta a Villa Gernetto.
Piccolo particolare ma che fa parte della “sceneggiatura”: lo stesso Robin Li avrebbe smentito nelle ultime ore (notizia delle 10:30) di essere interessato alla trattativa. Insomma, se uno non mette più soldi e l’altro si tira indietro, o il Milan è in fallimento oppure dobbiamo aspettare che comincino ad arrivare “notizie vere” sulla questione. Attendiamo con moderata ansia. 

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]