Roma, Rampelli (Fdi): "Ripristineremo Agenzia per le tossicodipendenze. Sicurezza? Sì ai cittadini impegnati..."

25 maggio 2016 ore 12:48, Lucia Bigozzi
“C’è una fascia anagrafica di giovani ma anche di quarantenni che sta mollando: le istituzioni devono dare messaggi sani anziché minimizzare l’uso e l’abuso di droghe”. “Le ronde? No, ma dico sì ad associazioni di cittadini che segnalino situazioni di degrado e a rischio criminalità”. Muove l’analisi su quello che è e quello che c’è da fare su questi due filoni, Fabio Rampelli, capogruppo di FdI a Montecitorio che ad Intelligonews anticipa una due-giorni con la Meloni dedicati alla sicurezza. Non in centro, ma in periferia.

Escalation di insicurezza a Roma tra violenza, droga e alcol. Cosa servirebbe e come gestire questa emergenza?

"L’impressione è che le giovani generazioni ma in realtà la fascia anagrafica si estende fino ai 40enni, abbiano un po' mollato, ovvero si stiano lasciando andare come se la società non fosse nelle condizioni di reagire, – e mi riferisco a tutte le istituzioni nessuna esclusa, dal Campidoglio alla Regione allo Stato – come se non venissero inviati i giusti input ad esempio su concetti quali l’educazione civica, la tutela e valorizzazione della vita, la propria e quella degli altri. Necessario, invece, esaltare quelle che con un gioco di parole potremmo definire droghe ‘naturali’, come l’adrenalina, l’amore, il romanticismo, le emozioni: sarebbe infatti fondamentali che la società nelle sue tante articolazioni, desse segnali sani, anzichè minimizzare l’uso e abuso di sostanze". 

Roma, Rampelli (Fdi): 'Ripristineremo Agenzia per le tossicodipendenze. Sicurezza? Sì ai cittadini impegnati...'
Sì ma come declinare tutto questo in atti concreti? 

"Intanto ripristinando l’Agenzia per le tossicodipendenze, cosa che Marino non ha valorizzato, di fatto cancellandola. Svolgeva e deve svolgere un lavoro di prevenzione importantissimo e insostituibile; quindi non deve andare in giro a distribuire siringhe con la nota e ormai vetusta pratica della riduzione del danno; in realtà deve far capire ai cittadini a rischio che la droga fa male e che drogarsi non è giusto oltrechè illecito".

La Meloni ha denunciato una Roma insicura e soprattutto buia, con un’illuminazione pubblica insufficiente. E’ così e cosa c’è da fare?

"Roma è in una situazione di grande sofferenza sul versante della sicurezza. Il Comune può fare solo alcune cose, altre invece competono allo Stato, compreso il rafforzamento dei presidi di polizia e carabinieri specie nelle periferie dove ci sono maggiori condizioni di fragilità sociale e dunque di rischio. Il Comune può portare i servizi e forse, cosa che non ha fatto nessuno perché è un approccio culturale diverso, portare il centro storico in periferia. Cosa che intendiamo fare noi con una giornata per la sicurezza e la chiusura della campagna elettorale di Giorgia Meloni a Tor Bella Monaca. L’obiettivo della due-giorni è portare in una piazza desolata della periferia il centro storico con servizi ma anche identità, assumendo lì l’impegno che se la Meloni sarà sindaco in ogni municipio e in prospettiva in ogni quartiere sarà creato un centro “storico”". 

L’opzione “ronde” secondo lei è praticabile? Come si fa a gestire la sicurezza se si tagliano risorse alle forze dell’ordine? 

"La definizione ronde è pessima; come se lei mi domandasse se sono favorevole alle “squadracce”. La risposta è no perché la ronda evoca un cittadino che si fa giustizia da solo. Sono favorevole invece a cittadini organizzati in associazioni impegnati in un’azione complementare a quella delle forze dell’ordine, segnalando situazioni di degrado, luoghi critici a rischio sicurezza, abusivismo. Fermo restando che il tema è rafforzare gli strumenti di contrasto alla criminalità, dando più strumenti e risorse alle forze dell’ordine con un investimento importante perché siamo in una fase economica difficile e quando aumenta il numero dei poveri aumentano le condizioni di insicurezza e criminalità". 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]