Staminali: Vescovi, chiesto ok a test su nuova terapia sclerosi multipla

25 maggio 2016 ore 15:16, intelligo
"In Italia ogni 3 ore viene diagnosticato un nuovo caso di sclerosi multipla. I pazienti colpiti sono prevalentemente giovani fra i 20 e i 40 anni", soprattutto donne, e "come per la stragrande maggioranza delle malattie neurodegenerative non esistono terapie risolutive. L'unica speranza è la ricerca". Questo il messaggio di Angelo Vescovi, direttore scientifico di Revert Onlus e dell'Irccs Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), in occasione della Giornata mondiale della sclerosi multipla. Lo scienziato, noto per i suoi studi con le staminali, spiega che "a dicembre 2015 è stata depositata presso Aifa e Comitati etici la richiesta di poter procedere con una sperimentazione clinica di fase 1", i primi test sull'uomo, "mirata allo sviluppo di una terapia cellulare per la sclerosi multipla secondaria progressiva". 

Staminali: Vescovi, chiesto ok a test su nuova terapia sclerosi multipla
"Si tratterà di una sperimentazione multicentrica internazionale - sottolinea in una nota - che vede il coinvolgimento di centri di competenza in tutta Italia e in Svizzera, coordinata dal nuovo Centro di medicina rigenerativa dell'Irccs Casa sollievo della sofferenza". "Dal 2003, anno della sua fondazione - ricorda Vescovi - Revert Onlus finanzia, promuove e incentiva con impegno e dedizione la ricerca sulle cellule staminali cerebrali e conduce la sperimentazione clinica sull'uomo per trovare una cura alle malattie neurodegenerative. Sosteniamo la ricerca per trovare una cura alle malattie neurodegenerative e restituire così la speranza di guarigione alle persone malate che affrontano malattie progressive e invalidanti".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]