"The Revenant-Il redivivo": per Di Caprio un Oscar "difficile" a temperature sotto zero?

25 novembre 2015 ore 12:43, Americo Mascarucci
'The Revenant-Il redivivo': per Di Caprio un Oscar 'difficile' a temperature sotto zero?
Arriverà nelle sale cinematografiche italiane dal 28 gennaio 2016 il film "The Revenant - Il redivivo" frutto del connubio inedito fra il regista messicano tre volte premio Oscar Alejandro Gonzales Iñárritu e l’attore Leonardo Di Caprio, per la prima volta insieme. Un film violento, caratterizzato da scene cruente ma reso armonico dalla bellezza dei paesaggi e della natura che circonda le storie. Nel cast anche Tom Hardy, Dominc Gleeson e Lukas Haas. 
Revenant è un film ispirato ad una storia vera  e ambientato nel 1823. Racconta le vicende di Hugh Glass, cacciatore e esploratore che, dopo essere stato derubato e abbandonato moribondo in mezzo al bosco, decide di trovare i suoi assalitori per vendicarsi, viaggiando tra il freddo e il ghiaccio del North Dakota. 
Le riprese del film effettuate per la maggior parte nella regione di Alberta, in Canada, sono state rese molto difficili dalle temperature sotto zero faticosamente sopportabili, e dal gelo che ha ripetutamente bloccato le apparecchiature. Il film sarà distribuito dalla 20th Century Fox Italia.
Un Di Caprio dunque ben diverso da personaggio che tutti hanno imparato a conoscere ed amare nelle vesti dell’artista americano protagonista di Titanic, il film che ha commosso tutto il mondo raccontando la tragedia del celebre transatlantico affondato nella cornice di una storia d’amore fra una ragazza dell’alta borghesia e uno spiantato in cerca di fortuna. Stavolta invece Di Caprio sarà alle prese con la sopravvivenza fra i ghiacciai del North Dakota mosso unicamente dalla volontà di vendicarsi. 

“E’ il film più difficile che abbia mai fatto – ha ammesso Di Caprio - Gira voce che abbia dormito dentro una carcassa di animale ma non è vero, il mio personaggio lo fa, non io. La difficoltà vera è stato il freddo, abbiamo girato a meno 15, ci scaldavamo con una macchina per l'aria calda che chiamavamo "polipo". Ma le macchine da presa ogni tanto si bloccavano". Il regista invece spiega fra il serio e il faceto: "Io mi sento il vero redivivo ma pure un idiota, sono messicano, un uomo dei tropici in mezzo alla neve... Un anno fa Clint Eastwood mi ha detto che gli avevano offerto un western ma doveva girarlo d'inverno e non lo avrebbe fatto. Io non sono così furbo". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]