Hacker scatenati: cyberattacco al gestore telefonico Talk Talk. E' solo l'ultimo colpo

25 ottobre 2015, Andrea Barcariol
Hacker scatenati: cyberattacco al gestore telefonico Talk Talk. E' solo l'ultimo colpo
Nell'epoca di Internet sicurezza e privacy sono sempre più un lontano ricordo. Gli attacchi degli hacker ormai sono all'ordine del giorno, alcuni veramenti clamorosi. Dopo la notizia di pochi giorni fa del ragazzo che ha hackerato l'email del Capo della Cia e il maxi attacco del mese scorso alla Apple in Cina, l'allarme questa volta arriva da Londra dove sono stati violati gli account di Talk Talk, provider telefonico e a banda larga, vittima di un forte cyberattacco, denunciato dalla stessa società, che mette a rischio i dati personali di 4 milioni di britannici. 

Nel mirino degli hacker le informazioni riguardanti i nomi dei clienti, gli indirizzi, le loro coordinate bancarie. "C'è il rischio che ci sia stato l'accesso a tutti i dati personali dei nostri clienti. "E' stato un attacco violento e prolungato" - ha sottolineato Dido Harding, amministratore delegato della società, che ha subito avvertito i clienti ma ha dovuto registrare un crollo in borsa dopo l'uscita della notizia.

Un consulente di sicurezza informatica ed ex detective di Scotland Yard, Adrian Culley, ha detto alla Bbc Radio 4 di oggi che un gruppo islamista russo ha rivendicato la responsabilità degli attacchi. Gli hacker affermerebbero di essere un gruppo di cyber-jihadista, ma si tratterebbe comunque di un'informazione da verificare che sembra, al momento, poco attendibile. Da analizzare anche la richiesta di riscatto inviata dagli hacker alla società tramite posta elettronica. I misteri insomma non mancano sulle modalità del cyberattacco, stile Wikileaks, spetterà a Scotland Yard sciogliere l'intricata matassa.

Nei mesi passati gli hacker hanno colpito anche l'Italia, dalla bandiera dell'Isis sul sito dell'accademia della Crusca alle email rubate al ministero della Difesa.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]