Sarà pure un genio, ma è gay: il Cremlino cambia musica

25 settembre 2013 ore 9:08, intelligo
Sarà pure un genio, ma è gay: il Cremlino cambia musica
di Andrea Davì. Il ministro della cultura russo ha dichiarato che Peter Tchaikovsky non era affatto gay, ma un uomo solo che non è riuscito a trovare nella vita la donna giusta da sposare.
Al contrario di quanto da sempre affermato dagli storici, Vladimir Medinsky sostiene che non ci sono prove che dimostrerebbero l'omosessualità di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi.
A rivolgergli la domanda sulla sessualità del musicista è stata la stampa in seguito alla notizia che annunciava il finanziamento del governo russo per la realizzazione di un film sulla vita di Tchaikovsky.
Il sospetto riguarda la manipolazione della verità che a parere di molti è stata messa in atto sulla sceneggiatura attraverso un'attenta revisione, eliminando ogni riferimento privato dell'artista scomodo alla morale ma soprattutto che potesse essere in contrasto con la nuova legge sulla "propaganda gay".
La legge a protezione dei minori vieta in sostanza la rappresentazione positiva dell'omosessualità, ma soprattutto definisce illegale qualsiasi attività pubblica di rivendicazione e difesa dei diritti dei gay.
Nella fattispecie i timori riguardano l'autocensura a cui i cineasti si vedono costretti per non avere problemi con lo stato: Yuri Arabov, lo sceneggiatore, ha negato l'omosessualità di Tchaikovsky definendo questa convinzione un'idea rimasta incastrata nell'immaginario collettivo.
Ma i timori per questa nuova ondata omofoba, in Russia hanno radici profonde e partono da molto lontano: fin dal 1933 dai divieti istituiti da Stalin con l'introduzione dell'articolo 121 nel codice penale, alle persecuzioni del regime comunista, alla chiesa ortodossa che continua ancora oggi a considerare l'omosessualità una "piaga sociale".
Nel caso di Tchaikovsky le sue preferenze sessuali sono documentate non solo dai suoi scritti, ma anche da quelli di altri e appare difficile se non addirittura ridicolo suggerire il contrario, al pari di affermare che non fosse un genio della musica.
Ma il passato ci insegna che tutto questo non esclude che un sistema di potere possa avere la volontà e i mezzi per riscrivere la propria storia, attraverso la censura prima e la negazione poi di quei suoi stessi figli: scomodi, pericolosi, destabilizzanti. Gay.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]