Chico Forti, Red Ronnie a IntelligoNews: "Bene Parlamento. Cosa vorrei da Renzi"

25 settembre 2014 ore 13:39, Marta Moriconi
Chico Forti, Red Ronnie a IntelligoNews: 'Bene Parlamento. Cosa vorrei da Renzi'
L'imprenditore italiano di Trento, Enrico Forti detto “Chico”, dopo un processo durato venticinque giorni, è stato condannato all'ergastolo in quanto ritenuto colpevole di omicidio da una giuria popolare della Dade County di Miami. E' a questo punto che l'opinione pubblica e personaggi noti si sono mobilitati subito in sua difesa per far conoscere la verità. Ora arriva la notizia che la Camera ha finalmente dato il via libera a due mozioni a tutela dell'ergastolano grazie anche alle strenue battaglie mediatiche che ci sono state. Red Ronnie è stato uno dei primi giornalisti che si è interessato al caso facendosi portavoce della causa tramite i social network e la sua tv, e grazie anche al sostegno e alla competenza della criminologa Roberta Bruzzone, che cita spesso lungo tutta l'intervista. IntelligoNews lo ha intervistato per capire, ora che il governo è sceso in campo, quali speranze custodisca nel cuore. La Camera dei Deputati ha dato il via libera a due mozioni a tutela di Chico. Come ha appreso la notizia e con quale spirito guarda avanti?  "Ho accolto la notizia con lo stesso spirito che ho scritto sulla mia pagina facebook. Mi ero già occupato di Chico Forti 6 -7 anni fa, ma allora avevo solo questo strumento e non la mia televisione. Grazie a quest'ultima ho conosciuto la dottoressa Bruzzone che si occupava del caso dando voce a chi chiedeva la verità. Rimasi stupito di vederla e tanto meno mi sarei immaginato che dopo due anni il Parlamento si sarebbe pronunciato per dire: interveniamo!" Perché è tanto stupito?  "Perché tutto nacque in maniera incredibilmente veloce. La prima persona che devo ringraziare è Fiorello, perché in quel periodo io davo spazio all'edicola Fiore su RoxyBar Tv. Parlai con lui e volle informarsi, così gli mandai il link dell'intervista fatta con Roberta (Bruzzone, ndr). La mattina dopo con mio grande stupore girò il telefonino sulla sua faccia chiedendo: voi sapete chi è Chico Forti? E da lì è nato tutto.  E' partita un'operazione mediatica molto importante che ha portato tantissima gente ad interessarsi, a fare iniziative, fino ad arrivare al report della Bruzzone tradotto in inglese, un grande lavoro".
Chico Forti, Red Ronnie a IntelligoNews: 'Bene Parlamento. Cosa vorrei da Renzi'
Chico Forti, Red Ronnie a IntelligoNews: 'Bene Parlamento. Cosa vorrei da Renzi'
Chico Forti resta in carcere ancora...
"E' uno scandalo che ci sia un italiano innocente, ed è innocente me lo ha confermato anche l'avvocato che non voleva prendere il caso ma che poi, per scrupolo, è andato a parlarci in carcere a Miami ponendogli 32 domande che aveva in serbo. Beh, guardandolo negli occhi e ascoltandolo ha detto di essere tornato a casa e di non aver dormito perché cosciente della sua innocenza". E' l'Italia che ruolo ha avuto?  "E' immorale che l'Italia non difenda i propri connazionali che hanno dei problemi all'estero. Soprattutto se parliamo degli Usa che hanno sempre difeso i propri connazionali anche in casi come quello del Cermis che conosciamo tutti" Confidate che il governo, ora, lo riporti a casa? "Noi non abbiamo mai chiesto di riportarlo a casa, ma vogliamo che gli venga fatto un giusto processo non quello che ha subito". Renzi è sensibile al caso Forti? Avete avuto modo di contattarlo?  "No, però conoscendo Matteo, ho collaborato con lui quando era presidente della Provincia, in Parlamento non accade nulla che lui non sappia. Quindi sa esattamente quello che il Parlamento ha votato". Adesso che il caso è diventato anche del governo italiano, la vostra attività a sostegno dell'imprenditore italiano ingiustamente recluso, diminuirà o  al contrario sarà ancora più incisiva? "La nostra attività cesserà quando Chico Forti sarà libero. Quando tornerà qui innocente e scagionato. Io tutte le sere e mattine gli do la buonanotte e il buongiorno. E' come un campanello d'allarme che suono metodicamente perché la gente non dimentichi. Non sposo molte cause, le scelgo con cura, ma quando prendo in mano una battaglia non mollo mai. Le leonesse di Chicco Forti si chiamano così quindi anche loro non mollano. La Bruzzone come immagine sceglie la tigre, quindi si figuri se lascia". Lei apre e chiude le sue giornate con un saluto a Chico Forti, ma le piacerebbe un tweet di Renzi su quest'argomento? "Su questo caso ho scambiato messaggi privati con i politici. Con Enrico Letta ci parlai in dm quando era presidente del Consiglio e quando seppi che incontrava Obama gli chiesi di parlare di Chico e lo ha fatto. Ho avuto anche messaggi privati dalla Mogherini che dice che si sta impegnando. Più che tweet mi piacerebbe sentir dire a Renzi che abbiamo ottenuto la riapertura del processo. La comunicazione ne abbiamo fatta anche troppa su twitter, noi abbiamo bisogno di questo ora!".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]