Pezzopane in love: “Le mie giornate con Simone. La mia risposta ai bacchettoni del web e gli auguri di Sacconi"

25 settembre 2014, Lucia Bigozzi
Pezzopane in love: “Le mie giornate con Simone. La mia risposta ai bacchettoni del web e gli auguri di Sacconi'

Una storia d’amore ‘esplosa’ mediaticamente da quando Stefania Pezzopane, senatrice dem, ha ricevuto in diretta radiofonica una dichiarazione d’amore con proposta di matrimonio dal suo fidanzato. Privato che diventa pubblico. Nell’intervista a Intelligonews ne parla con grande serenità senza rinunciare a qualche stoccata ai ‘bacchettoni’ del web… 

 Come si sta preparando al suo matrimonio? 

 «Nessun matrimonio, per ora». 

Come? A Un Giorno da Pecora il suo fidanzato le ha chiesto pubblicamente di diventare sua moglie.

«Con Simone ho una storia bellissima e intensa. L’idea del matrimonio è uscita fuori durante la trasmissione radiofonica nella quale i conduttori creano anche piccoli incroci d’amore e di sentimenti. A Simone è stato chiesto se questa relazione tra noi era così importante da arrivare al matrimonio e lui ha fatto una bellissima dichiarazione d’amore della quale sono molto felice. Il nostro è un rapporto così genuino, sincero bello: entrambi abbiamo alle spalle matrimoni finiti, adesso affronteremo le scelte da fare con molta saggezza e intelligenza. E’ indubbiamente una fase molto bella per una donna sentire che la persona con la quale hai una relazione abbia il coraggio di esplicitare in maniera così forte e pubblica i propri sentimenti. Sono molto orgogliosa di avere una persona così affettuosa, sensibile e innamorata». 

  Dunque niente fiori d’arancio né confetti? 

 «Al momento no, la nostra storia ha pochi mesi di vita, le evoluzioni le vedremo più avanti». 

 Dai suoi colleghi senatori le sono arrivati gli auguri? E da chi le critiche? 

 «Mi sono arrivati tanti auguri, addirittura una mia amica si è offerta di suonare al mio matrimonio. Dai colleghi senatori mi sono arrivati i complimenti, ieri il presidente Sacconi mi ha fatto un gran sorriso e mi ha detto ‘auguri, ma che cosa bella’». 

  E le critiche? 

 «Per l’ennesima volta ho affrontato una vicenda e questo riguarda la mia vita sia politica che privata, con assoluta schiettezza e trasparenza, e penso di aver dato anche un segnale che ovviamente viene fuori da sé senza che io lo volessi. Il segnale è a quelle tante persone che criticano, che dicono malignità sui siti, nei blog, sui social. Magari sono quelle stesse persone che hanno relazioni clandestine, che tradiscono il marito o la moglie, che vivono in maniera nascosta un amore o un affetto. Io non ho ritenuto di dover tenere nascosta una cosa normale, bella, sincera che fa scalpore perché, purtroppo, ancora c’è tanto maschilismo. Non fa scalpore, infatti, se un uomo della mia età ha una relazione con una donna molto più giovane di lui mentre si grida allo scandalo nel caso opposto. E’ la solita cultura misogina che va superata; non siamo più nell’Italia dei film degli anni Sessanta dove mentre le mogli andavano al mare i mariti facevano i comodi loro. Il matrimonio con mio marito è finito da tempo, lui ha un’altra donna e dunque non ho creato problemi a nessuno. Bisognerebbe finirla, una volta per tutte, con questa retorica maschilista».

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]