La Russia attacca iOS e le emoticon: sono "propaganda gay"

25 settembre 2015, Andrea De Angelis
Procedimento amministrativo in Russia contro la Apple, accusata di aver promosso l'omosessualità per aver inserito nel software iOS 8.3 emoticon che raffigurano coppie gay. 

La Russia attacca iOS e le emoticon: sono 'propaganda gay'
Lo ha reso noto il sito Gazeta.ru. L'iniziativa è della polizia di Kirov, dopo la denuncia di un avvocato, secondo cui Apple avrebbe violato la legge contro la propaganda gay in presenza di minori. 

Il colosso Usa rischia una multa di circa quindicimila dollari, ma in teoria le autorità potrebbero anche sospenderne l'attività in tutta la Russia.
Un'eventualità questa che scatenerebbe un vero e proprio caso diplomatico, riportando i due Paesi a un clima di guerra fredda, seppur, visto il tema, virtuale. 

I primi segnali erano arrivati già ad agosto, quando le nuove faccine della Apple erano finite nel mirino delle autorità russe. 

In realtà il ricorso era inizialmente stato rivolto dall'avvocato alla Procura Generale, salvo poi essere dirottato alla polizia che ha ritenuto esserci elementi sufficienti per avviare un'indagine. 

Probabilmente la vicenda si chiuderà con una multa simbolica dalla grande eco mediatico, ma l'ipotesi della sospensione resta in piedi e porterebbe, come detto, a un caso senza precedenti. 

 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]