Le risposte dei pediatri in 10 punti alle bufale sui vaccini: disinformazione addio

26 aprile 2016 ore 10:09, intelligo
di Luciana Palmacci

Per sfatare i falsi miti e combattere la disinformazione riguardo i vaccini, la Società Italiana di Pediatria, in occasione della Settimana Mondiale delle vaccinazioni promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha individuato e smentito 10 bufale sui vaccini a cui sarebbe meglio non credere. La più comune, spiega Giovanni Corsello, presidente SIP, “è credere che le malattie infettive siano scomparse e che i vaccini siano inutili", mentre "al contrario il calo delle vaccinazioni sta facendo riemergere malattie che credevamo debellate, come la pertosse e la difterite”.

Le risposte dei pediatri in 10 punti alle bufale sui vaccini: disinformazione addio
Ma ecco qui riassunte le 10 risposte dei pediatri italiani alle mamme apprensive:

1- I vaccini non contengono ingredienti e additivi pericolosi

2- Le malattie infettive non stavano già scomparendo prima dell'introduzione dei vaccini. 

3- I vaccini sono efficaci, proteggono il 100% dei vaccinati. 

4- I vaccini non causano l'autismo. 

5- Tutte le persone vaccinate contro l'influenza non la prendono lo stesso.

6- I vaccini non sono inutili, le malattie infettive non sono state debellate dai miglioramenti della qualità della vita. 

7- La maggior parte delle malattie prevenibili con le vaccinazioni non sono scomparse o quasi. 

8- Tanti vaccini somministrati in un'unica puntura non sono dannosi.

9- Troppi vaccini non sopraffanno e indeboliscono il sistema immunitario, soprattutto nei bambini più piccoli. 

10- L'infezione naturale non è meglio della vaccinazione. Non è vero che prima del vaccino tutti facevano il morbillo, la rosolia e nessuno è mai morto per questo.

Un decalogo, redatto dagli esperti che sviscera tutte le questioni che di solito vengono citate da chi si dichiara contrario alle vaccinazioni, dalla presunta presenza di additivi pericolosi al legame, più volte smentito dagli studi, tra alcune vaccinazioni e l’autismo, al rischio, inesistente, che troppe immunizzazioni “sovraccarichino” il sistema immunitario. 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]