Oggi i vostri dati Inps nella busta arancione: a chi e quanto arriverà

26 aprile 2016 ore 10:46, Lucia Bigozzi
Sono 150mila e sono in arrivo da oggi. Su tratta delle ormai famose “buste arancioni” che l’Inps sta inviando per aggiornare gli italiani sul momento in cui andranno in pensione, ma soprattutto con quanti soldi, cioè sulla cifra mensile si cui potranno contare nel momento in cui usciranno dal posto di lavoro e concluderanno la carriera professionale. 

CHI SONO I PENSIONANDI. Le “buste arancioni” saranno inviate da Nord a Sud e in modo capillare: si tratta come detto di un primo invio, i cui destinatari sono le persone più prossime all’età pensionabile, anche se l’invio – fanno sapere gli addetti ai lavori - sarà casuale relativamente all'età e alla professione dei destinatari. Da tenere presente che l’invio riguarda tutte le persone che non sono collegati all’Inps in maniera digitale, cioè via internet utilizzando l’apposito Pin o lo Spid, ovvero la password unica che, appunto consente l’accesso online ai servizi dell’ente e della pubblica amministrazione.

COSA C’E’ DENTRO. All’interno della busta c’è una lettera di tre pagine che riassume la storia contributiva del lavoratore, la data prevista per l’uscita dal mondo del lavoro e la simulazione con l’importo dell’assegno previdenziale, oltre alla comunicazione sul rapporto tra l’attuale busta paga e quanto la persone si ritroverà nel portafogli dopochè avrà concluso il percorso professionale. 

LA MISSION. L’Inps vuole non solo informare ma rendere consapevoli i cittadini sul loro futuro più prossimo. Va ricordato che quella che arriverà con la “busta arancione”, è una proiezione standard ovvero basata su costanti che tornano nel percorso lavorativo del pensionando, calcolate anche in base all’aumento del Pil e dello stipendio dell'1,5 per cento, oltre al parametro della continuità lavorativa. Resta il fatto che i cittadini “digitalizzati” collegandosi online con Inps avranno maggiori possibilità di controllare la loro posizione previdenziale anche attraverso l’inserimento di altri parametri che magari nel frattempo sono intercorsi e che per questo consentono una simulazione più in linea con le esigenze di ogni singolo. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]